134 CONDIVISIONI
10 Ottobre 2018
14:56

Lele Spedicato sta meglio, i Negramaro: “Ora è il momento di ricominciare, insieme”

“Abbiamo aspettato, col fiato sospeso, ogni piccolo progresso”, i Negramaro tornano a condividere coi propri fan parole di entusiasmo per le condizioni del loro chitarrista Emanuele “Lele” Spedicato, che il 17 settembre era stato trasportato in ospedale a causa di un’emorragia cerebrale. Oggi è fuori pericolo e la band ringrazia tutti quelli che lo hanno sostenuto.
A cura di Redazione Music
134 CONDIVISIONI

Nell'euforia generale per le notizie sulle condizioni di salute di Lele Spedicato non potevano mancare le parole della band, che ha affidato ai social il loro pensiero per il musicista che il 17 settembre scorso fu trasportato d'urgenza all'Ospedale Vito Fazzi di Lecce a causa di un'emorragia cerebrale e che oggi, quasi un mese dopo è stato dichiarato fuori pericolo dai medici che lo hanno tenuto in cura e hanno sciolto la prognosi. Lele, insomma, il cui quadro clinico neurologico ha mostrato evidenti progressi negli ultimi giorni, non rischia più la vita, respira autonomamente, è vigile, risponde bene agli stimoli. I prossimi giorni, quindi, saranno fondamentali per capire se le sue condizioni potranno comportare un trasferimento in un centro specializzato per "avviare un adeguato percorso di riabilitazione".

Le parole dei Negramaro

"Queste tre settimane sono sembrate lunghissime, quasi quanto una vita trascorsa insieme – hanno scritto i componenti della band in un post accompagnato dalla foto di Lele e Giuliano Sangiorgi -. Abbiamo aspettato, col fiato sospeso, ogni piccolo progresso, abbiamo ringraziato per ogni costante miglioramento. Ora Lele è fuori pericolo, possiamo dirlo, ringraziando la cura e la dedizione dei medici del ‘Vito Fazzi' di Lecce che lo hanno seguito e lo seguiranno in ognuna delle delicatissime fasi verso la completa guarigione".

Il ringraziamento a chi li ha sostenuti

La band ha quindi ringraziato tutti quelli che in questi giorni hanno voluto esprimere un pensiero per il loro compagno: "Sentiamo di dover ringraziare tutti quelli che, con un messaggio o una parola, con una foto o una preghiera, in un modo o nell’altro, hanno sostenuto questa durissima battaglia per la vita. Vi siamo grati per tanto affetto. Siamo sicuri che questa energia stia contribuendo tantissimo a dare a tutti la forza per reagire, soprattutto alla famiglia che gli è stata sempre accanto. Ora è il momento di ricominciare, insieme. È il momento di restare uniti accanto a nostro fratello Lele che presto inizierà una intensa fase di riabilitazione. Continuiamo così! #forzalele".

Queste tre settimane sono sembrate lunghissime, quasi quanto una vita trascorsa insieme. Abbiamo aspettato, col fiato sospeso, ogni piccolo progresso, abbiamo ringraziato per ogni costante miglioramento. Ora Lele è fuori pericolo, possiamo dirlo, ringraziando la cura e la dedizione dei medici del “Vito Fazzi” di Lecce che lo hanno seguito e lo seguiranno in ognuna delle delicatissime fasi verso la completa guarigione. Sentiamo di dover ringraziare tutti quelli che, con un messaggio o una parola, con una foto o una preghiera, in un modo o nell’altro, hanno sostenuto questa durissima battaglia per la vita. Vi siamo grati per tanto affetto. Siamo sicuri che questa energia stia contribuendo tantissimo a dare a tutti la forza per reagire, soprattutto alla famiglia che gli è stata sempre accanto. Ora è il momento di ricominciare, insieme. È il momento di restare uniti accanto a nostro fratello Lele che presto inizierà una intensa fase di riabilitazione. Continuiamo così! #forzalele

A post shared by negramaroofficial (@negramaroofficial) on

134 CONDIVISIONI
I Negramaro scrivono a Lele Spedicato: "Le settimane più dure della nostra storia"
I Negramaro scrivono a Lele Spedicato: "Le settimane più dure della nostra storia"
Le foto di Lele Spedicato
Le foto di Lele Spedicato
54.859 di Spettacolo Fanpage
Lele Spedicato, a una settimana dal ricovero continuano i messaggi per il chitarrista dei Negramaro
Lele Spedicato, a una settimana dal ricovero continuano i messaggi per il chitarrista dei Negramaro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni