Sanremo 2018
2 Febbraio 2018
13:46

Le Vibrazioni a Sanremo 2018 con “Così sbagliato”

Le Vibrazioni, band composta da Francesco Sarcina, Stefano Verderi, Marco Castellani e Alessandro Deidda, sarà al 68° Festival di Sanremo con la canzone “Così sbagliati”.
A cura di Redazione Music
Le Vibrazioni (ph Chiara Mirelli)
Le Vibrazioni (ph Chiara Mirelli)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Sanremo 2018

Si chiama "Così sbagliato" la canzone che Le Vibrazioni, la band capitanata da Francesco Sàrcina porterà in gara per la 68a edizione del Festival di Sanremo, dando seguito alla reunion della band, avvenuta qualche mese fa dopo 6 anni in cui i componenti avevano scelto strade diverse, dividendosi dopo il successo ottenuto tra il 1999, anno di formazione del gruppo (che oltre a Sàrcina vedrà protagonisti gli altri membri originari: Stefano Verderi alla chitarra e alla tastiera, Marco Castellani al basso e Alessandro Deidda alla batteria), fino al 2010, anno d'uscita dell'ultimo album "Le strade del tempo".

Le partecipazioni de Le Vibrazioni a Sanremo

La band nasce a Milano e diventa subito popolare grazie a singoli come "Dedicato a te", "In una notte d'estate" e successivamente a "Vieni da me" e "Raggio di sole", tra le altre, pubblicherà quattro album prima dello scioglimento, avvenuto nel 2012 con la fine del loro "Vibratour", che darà il via agli altri progetti dei componenti della band (nel frattempo Marco Castellani  era stato sostituito da Emanuele Gardossi). Le Vibrazioni vantano anche una partecipazione al Festival di Sanremo: nel 2005, infatti, portano sul palco dell'Ariston "Ovunque andrò" che non arrivò alla finale che decise i primi cinque, ma piazzandosi seconda tra i gruppi. la canzone farà parte dell'album "Le Vibrazioni II", che viene certificato disco d'oro.

Il significato di "Così Sbagliato"

"Così sbagliato" mette in risalto l'anima rock della band che sposa il lato melodico che da sempre caratterizza il Festival, dando ritmo al mazzo di canzoni che parteciperà alla prossima edizione. Scritto dallo stesso Sarcina assieme a Davide Simonetta, Andrea Bonomo e Luca Chiaravalli, la canzone "è una confessione e un mettersi a nudo rivelando i propri difetti e accettando la propria fallibilità. Racconta di come nei rapporti, a volte, il maggior ostacolo siamo noi stessi: le nostre paure e le nostre insicurezze, insieme ai nostri difetti, sono più difficili da superare rispetto a molti dei problemi esterni che affrontiamo quotidianamente. Ed è dall’essere sbagliato che dovrebbe partire l’accettazione dell’amore per se stessi e per gli altri", come scrive la band. Il pezo farà parte di "V", nuovo album della band, in uscita il prossimo 9 febbraio.

$player, 'title' => $atts['title'], 'lyric' => $song, )) ?>
317 contenuti su questa storia
Duccio Forzano, regista del 'Festival di Sanremo 2018':
Duccio Forzano, regista del 'Festival di Sanremo 2018': "Claudio Baglioni mi ha salvato la vita"
Fiorello:
Fiorello: "Mia moglie Susanna è l'angelo che mi ha portato a Sanremo 2018"
Favino sul monologo di Sanremo:
Favino sul monologo di Sanremo: "Testo sull'estraneità in generale. La mia politica è capire le emozioni"
3.700 di askanews
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni