305 CONDIVISIONI
19 Novembre 2015
11:16

Le storie dei sopravvissuti del Bataclan nei commenti al post degli EODM

Ieri gli Eagles of Death Metal sono tornati a parlare della tragedia che li ha visti coinvolti durante l’attacco al Bataclan e quel post è diventato il posto in cui molti dei sopravvissuti hanno raccontato la loro esperienza, esprimendo il cordoglio e la speranza.
A cura di Francesco Raiola
305 CONDIVISIONI
Foto LaPresse
Foto LaPresse

Ieri gli Eagles of Death Metal sono tornati a parlare dopo la tragedia che li ha visti coinvolti negli attentati parigini di venerdì scorso: la band americana, infatti, era sul palco del Bataclan quando tre uomini armati sono entrati nel locale sparando a raffica colpi di Kalashnikov facendo circa 80 morti. Con un post su Facebook hanno ricordato le persone morte ed espresso solidarietà ai loro familiari, dicendosi ‘inorriditi‘ per quello che è successo ‘Anche se siamo uniti nel dolore con le vittime, i fan, le famiglie, i cittadini di Parigi e tutte le persone colpite dal terrorismo, siamo orgogliosi di stare insieme, con la nostra nuova famiglia, ora uniti da un obiettivo comune di amore e compassione'.

Il dolore e la speranza dei sopravvissuti

Un post da 140 mila like e 33 mila condivisioni, ma soprattutto con 2500 commenti che hanno fatto di quel luogo il posto ideale dove ricordare le vittime e raccontare la storia di chi, quella sera, era là per ascoltare il loro blues rock, lontano dal metal del nome e di alcuni articoli di giornale, e divertirsi: persone che sono sopravvissute, senza riportare ferite, altre che sono state, invece, ‘solo' ferite e altre ancora che hanno perso amici:

‘Hanno cercato di uccidere me e mia moglie mentre danzavamo davanti alla nostra band preferita – scrive Maxime – fortunatamente hanno fallito. Abbiamo visto quello che nessuno dovrebbe vedere', mentre Claude scrive: ‘Ho avuto la fortuna di essere solo ferito, ma alcuni amici sono morti. È difficile realizzare l'orrore soprattutto quando ricordi come la prima parte dello spettacolo fosse stata bella con una grande atmosfera. In pochi secondi, poi è stato l'inferno in terra!'.

Qualcuno chiede alla band di tornare a Parigi per ‘vincere contro la paura e la violenza', benché per ora gli EODM abbiano annullato tutti i prossimi concerti.

Mark, da Londra all'inferno

Mark era arrivato direttamente da Londra per vedere il concerto:

Sono venuto da Londra e sono stato sparato due volte. Ero lì con 9 amici e solo per miracolo siamo riusciti a salvarci tutti, anche se la metà di noi è stata ferita (…). Voglio ringraziare una ragazza che si chiama Katie che ci ha permesso di rifugiarci nel retro di una banca o una posta vicino al Bataclan, facendo pressione sulla mia ferita per tamponarla anche se era terrorizzata perché non riusciva a rintracciare il suo fidanzato al telefono (…).Voglio anche ringraziare due pompieri che ci hanno raggiunto e sono rimasti con noi, oltre alla polizia e i paramedici che ci hanno aiutato.

Tutte le testimonianze

Anche Paola era là con il fidanzato ed entrambi si sono salvati: "Siamo stati testimoni dell'orrore, ma anche di amore e compassione che sono molto più forti', mentre Aurélia ricorda di essere rimasta intrappolata in una stanza con Matt McJunkins, bassista della band a cui ha dato ‘il più grande abbraccio della mia vita quando siamo riusciti a liberarci'.

Tutte le testimonianze e le parole di cordoglio e speranza sono nei commenti di questo status:

305 CONDIVISIONI
Geppi Cucciari commossa per la storia di Lucy Salani, 98enne trans sopravvissuta ai lagher
Geppi Cucciari commossa per la storia di Lucy Salani, 98enne trans sopravvissuta ai lagher
Jeff Buckley canta "Hallelujah" al Bataclan: l'emozionante momento
Jeff Buckley canta "Hallelujah" al Bataclan: l'emozionante momento
23.316 di WorldNews
Jessica Selassié riceve commento del figlio di Bob Marley ad un post su Instagram
Jessica Selassié riceve commento del figlio di Bob Marley ad un post su Instagram
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni