J-Ax è tornato su una sua intervista al Corriere della Sera in cui parlava dei suoi litigi con Matteo Salvini, Ministro degli Interni e Vicepremier. Il cantante ha postato una serie di storie su Instagram in cui per chiarire un passaggio in cui parlava dei problemi che si possono avere schierandosi politicamente, passaggio che è stato frainteso dai ‘giornali di destra' ed è diventato materiale per un tweet dello stesso Salvini. Alla domanda se avesse mai subito censure, il cantante aveva risposto testualmente: "Con gli Articolo 31 abbiamo cantato Ohi Maria (sulla marijuana ndr) a Domenica In ed è successo un casino, per un po’ non siamo tornati in Rai. Poi ci sono i miei litigi con il ministro dell’Interno su Twitter. Non ho mai subito una censura dichiarata, ma è chiaro che se ti esponi da una certa area le offerte di lavoro diminuiscono".

Il successo di Ostia Lido e la visibilità

"Pare che avrei detto che non lavoro più perché ho attaccato Salvini, che palle, praticamente ho fatto un'intervista per il Corriere che mi ha chiesto se a esporsi e dire la propria politicamente si guadagna? E ho risposto di no, molte volte da una certa parte ti arrivano meno offerte di lavoro e quando dico ‘da una certa parte' faccio un esempio: se c'è un canale della tv di stato come ad esempio Rai Due che viene lottizzato dalla politica e dal Governo è ovvio che se prendi delle posizioni antigovernative o comunque contrarie alla forza politica che sta comandando quel canale, da lì hai meno offerte, ma per fortuna siamo in Italia e quando non ti arrivano offerte da una parte, ti arrivano dall'altra" ha spiegato il cantante, che poche settimane fa ha pubblicato il singolo "Ostia Lido", che può essere considerato uno dei tormentoni dell'estate 2019.

A esporsi si perde qualche fan, ma ne sono contento

Il cantante, poi, chiarisce anche la sua posizione contro i fan che ti ascoltano o meno a seconda delle dichiarazioni che si fanno: "Comunque facevo un discorso in generale per dire che ci sono i cretini, i fan cretini – non miei, ma della parte opposta – che quando tu ti permetti di dire qualcosa ti dicono di pensare a cantare, pensano che dici quella cosa per avere visibilità. Ma visibilità di che? Sto facendo una tournée tutta piena, con tanti sold out, il mio singolo è al doppio disco di platino, fra i pezzi più passati dalle radio, ma di che visibilità ho bisogno?" dice il cantante, che specifica: "Più che altro mi faccio un danno (…). Comunque lavoro tanto, mi arrivano offerte di lavoro quotidianamente. Ad ogni modo non ho detto quella frase, ho solo detto che a esporsi politicamente non ci si guadagna, si perde qualche fan, ma nel mio caso è una fortuna, come ha detto Fiorella Mannoia, il vostro odio sono medaglie. Avere gente che la pensa in una certa maniera tra i miei fan è un dispiacere, quindi è una bella cosa che questa gente dica ‘Ti ho seguito, poi hai parlato male del Capitano e non ti seguo più', ma meno male, fuori dai coglioni"