680 CONDIVISIONI
15 Luglio 2021
19:24

Il video di I wanna be your slave, i Maneskin sfidano ancora tabù e pregiudizi

Dal 15 luglio è disponibile il nuovo video dei Maneskin, che mette in scena tutto l’immaginario della band sfidando tabù in uno scenario ricco di allusioni alla sessualità senza confini e barriere. In un’intervista recente i componenti della band hanno parlato dell’intento, anche attraverso questa canzone, di contrastare una certa mentalità tradizionalista.
A cura di Andrea Parrella
680 CONDIVISIONI

È uscito alle 19 del 15 luglio il video di I wanna be your slave, il singolo dei Maneskin contenuto nell'album "Teatro d'Ira Vol.1", che in queste settimane sta conquistando la testa delle classifiche nazionali e internazionali. Il video è diretto da Simone Bozzelli, vincitore della 35ma Settimana Internazionale della Critica alla Mostra del Cinema di Venezia con il corto "J'Adore".

Il nuovo video dei Maneskin

Un video che mette in scena tutto l'immaginario Maneskin, sfida i tabù includendo tutti e quattro i componenti della band in uno scenario ricco di allusioni alla sessualità senza confini e barriere. In un’intervista recente i componenti della band hanno parlato dell'intento, attraverso questa canzone, di sfidare una certa mentalità tradizionalista e della volontà di raccontare la sessualità in tutte le sue possibili sfaccettature: "Il pezzo parla sì di sesso e di come possa essere anche varia e disparata la sua interpretazione. Abbiamo voluto rappresentare svariate scene che nell’immaginario comune possono risultare comunque strane o disturbanti proprio per mostrare che nella vita di molte persone sono la normalità malgrado ci siano ancora molti tabù e diversi stigmi". Vittoria ha aggiunto:

 Se tutti fossero già aperti e questi stigmi se non esistessero non ci sarebbe neanche la necessità di parlarne, mentre purtroppo non è affatto così, specialmente in Italia. Per noi è un argomento importante e speriamo di fare anche una minima differenza. Quando chi ci segue ci dice “la vostra musica mi ha aiutato ad accettare quello che sono e a vivere più liberamente” per noi è una cosa davvero importante e grande.

La band in vetta alle classifiche italiane e internazionali

I Maneskin, intanto, sono tornati in testa nella classifica degli album italiani, e piazzano tutti e tre i loro album nelle prime 11 posizioni, grazie anche alla spinta che stanno avendo a livello internazionale. La band formata da Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan guadagnano altre posizioni, rispetto all'ultima settimana e scalzano Sangiovanni dalla prima posizione. Questa settimana, infatti, torna in testa "Teatro d'Ira Vol. 1" il loro ultimo album che aveva già fatto capolino in quella posizione nella prima settimana utile, prima di lasciarlo già la settimana successiva. Ma era un'epoca in cui la band non aveva ancora vinto l'Eurovision e non erano diventati la band più ascoltata al mondo su Spotify, conquistando per la prima volta la top 200 della classifica Billboard globale (questa settimana sono quinti) e quelle del Regno Unito.

Il ritorno di Beggin'

Dopo l'exploit internazionale, la band ha quindi riconquistato anche la vetta della classifica di casa, conferendo nuova vitalità anche ai successi del passato. "Chosen" per esempio, l'Ep del 2017, che è balzato dalla posizione 21 alla 8, grazie soprattutto al successo internazionale di "Beggin'" la cover dei The Four Seasons che sta conquistando il mondo, che è stata in testa alla global chart di Spotify conquistando anche la classifica settimanale.

680 CONDIVISIONI
"I wanna be your slave" dei Maneskin entra nella top ten del Regno Unito
"I wanna be your slave" dei Maneskin entra nella top ten del Regno Unito
I wanna be your slave dei Maneskin ha superato i 200 milioni di stream: è la loro più veloce a farlo
I wanna be your slave dei Maneskin ha superato i 200 milioni di stream: è la loro più veloce a farlo
Il significato di I wanna be your slave, i Maneskin conquistano l'Europa anche oltre Zitti e buoni
Il significato di I wanna be your slave, i Maneskin conquistano l'Europa anche oltre Zitti e buoni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni