Festival di Sanremo 2021
2 Marzo 2021
08:30

Il significato di Quando trovo te, la canzone di Francesco Renga a Sanremo 2021

Francesco Renga torna al Festival di Sanremo con la canzone “Quando trovo te”, dopo l’ultima partecipazione nel 2019 e la vittoria con “Angelo” nel 2005. La canzone cerca di raccontare la frenesia dei tempi moderni, che lascia tutti senza equilibrio, fino all’esplosione, quel ricordo che abbiamo custodito in fondo al nostro cuore. Ecco il testo, il significato e il video di Quando trovo te di Francesco Renga.
A cura di Vincenzo Nasto
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2021

Francesco Renga si presenta al Festival di Sanremo 2021 con la canzone "Quando trovo te" dopo l'ultima partecipazione nel 2019 e la vittoria con "Angelo" nel 2005. La canzone di Francesco Renga, di cui è uno degli autori insieme a Roberto Casalino e Dario Faini, ripercorre i momenti di una città che rinasce ogni mattina, giocando sulla metafora metropolitana dello scorrere impalpabile del tempo.

Ecco il testo, il significato e il video di Quando trovo te, la canzone di Francesco Renga in gara a Sanremo 2021.

Quando trovo te di Francesco Renga, il testo della canzone a Sanremo 2021

di F. Renga – R. Casalino – D. Faini
Ed. Universal Music Publishing Ricordi/Casakiller/Favole/Edizioni Curci – Milano – Latina – Brescia

Guarda un po’ la mia città è insonne
E ha smesso di sognare
Come mai nessuno ora lo ammette
Gente che taglia le ombre
Mentre il traffico ancora riempie
Spazi immensi di solitudine
Questa volta ho come l’impressione
Che la speranza abbia cambiato umore.
E la mia testa non ne vuole più sapere
Di stare ferma e io continuo ancora a camminare
Si bagnano anche gli occhi, forse piove
E lo sguardo che segue il tragitto di un cane
E va a finire che
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
La verità in un mondo immaginario
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Questa città confonde
Di luci sempre accese
Dicono che tornerà sereno a fine mese
Io sempre fuori stagione
E la tua testa non ne vuole più sapere
Di stare ferma e quel silenzio dentro fa rumore
All’improvviso torno a respirare
Una stanza, due sedie, la cena, un film
Qual è il finale?
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
Tra mille note in volo un suono nuovo
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Tu che dormi sul divano
Quando resta sulle mani
Il tuo profumo
Le tue cose fuori posto
Quelle scarpe sulle scale
Mi portano da te
Come sempre mi dimentico
Dimentico di te
Sempre mi dimentico
Ma poi io ti ritrovo
Sempre se mi guardo
E intorno non c’è niente
Sei lo stupore atteso, un desiderio
La meraviglia di ogni giorno nuovo
Sempre sempre
Si confondono perfettamente
Le mie gioie
Inevitabilmente
Sempre sempre
Le ritrovo tutte quante sempre
Solo quando trovo te.
Solo quando trovo
Trovo te.

Di cosa parla Quando trovo te: la spiegazione del significato

La firma sul brano di Dario Faini, una delle figure fondamentali del pop italiano negli ultimi anni, è una garanzia sul lavoro costruito attorno a Francesco Renga, un brano pop contemporaneo in grado di inquadrare le sonorità del cantante, ponendolo al centro del progetto. Se gli archi iniziali possono far pensare a un brano pop classico, la costruzione testuale del brano racconta tutt'altro, una città in continuo movimento che combacia alla perfezione nel ritornello. Proprio nella descrizione della città e delle sue immagini, delicate ma spente, si può notare il contrasto emotivo con l'effetto sorpresa del ritornello, in cui il protagonista, rassegnato a un mondo in cui non riesce a trovare il suo equilibrio, ritrova nei suoi pensieri e nel suo cuore il ricordo che lo emoziona. Un'immagine che diventa desiderio, in grado di risollevarlo e di dargli gioia.

Francesco Renga a Sanremo 2021 con la canzone Quando trovo te

Mancava dal palco dell'Ariston dal 2019, un tempo lungo per uno dei veterani della competizione. Dalla vittoria del 2005, con il brano "Angelo", è passata una vita per Francesco Renga, emozionato come non mai per la partecipazione: "Tornare a Sanremo non ha mai avuto per me un significato più profondo. Non è solo la gioia di tornare su quel palcoscenico, in quel contesto così importante per la musica e per il mio lavoro. Questa volta significa ricominciare finalmente a farlo, il mio lavoro. Significa ripartire insieme con tutto il Paese". Dopo la partecipazione nel 2019 con il brano "Aspetto che torni", pubblicato nel suo ultimo album "L'altra metà", nel 2020 Francesco Renga è tornato in televisione, impegnato come di giurato d'eccezione insieme a J-Ax, Anna Tatangelo e Rita Pavone nella terza edizione del programma televisivo "All Together Now – La musica è cambiata".

498 contenuti su questa storia
Sanremo, l'annuncio di Annalisa: "Nella serata delle cover un ospite pazzesco con me"
Sanremo, l'annuncio di Annalisa: "Nella serata delle cover un ospite pazzesco con me"
485 di Viral Show
Noemi: "Ho sentito l'urgenza di cambiare. Il sovrappeso era un involucro per difendersi dal mondo"
Noemi: "Ho sentito l'urgenza di cambiare. Il sovrappeso era un involucro per difendersi dal mondo"
Enzo Mazza, FIMI: "La Gran Bretagna studia Sanremo per proteggere i Brit Awards dal Covid"
Enzo Mazza, FIMI: "La Gran Bretagna studia Sanremo per proteggere i Brit Awards dal Covid"
Gaetano Curreri ha superato l'infarto, gli Stadio informano i fan sulle condizioni di salute
Gaetano Curreri ha superato l'infarto, gli Stadio informano i fan sulle condizioni di salute
Il malore durante un concerto e il ricovero in terapia intensiva
Il malore durante un concerto e il ricovero in terapia intensiva
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni