Dopo l'uscita a gennaio di "Regina Coeli" e lo scorso marzo di "Spigoli" con Mara Sattei e Tha Supreme, è stato pubblicato nelle scorse ore il nuovo album di Carl Brave "Coraggio". Il progetto contiene sette featuring, e tra questi anche quello con Elodie "Parli Parli". Il brano è un dialogo tra i due cantanti, protagonisti di una triste storia d'amore rovinata dalla testardaggine e dalla gelosia. "Coraggio" è il secondo album ufficiale di Carl Brave, dopo l'uscita di "Notti brave", certificato doppio disco di platino.

Il significato di Parli Parli

Il nuovo album di Carl Brave "Coraggio" contiene 17 tracce, e tra queste sono presenti sette collaborazioni. Spicca il singolo "Parli parli" in collaborazione con Elodie, un brano che racconta una storia d'amore tormentata dal carattere duro dei due protagonisti. Emblematico il verso di Carl Brave: "E lo sai bene che io sono testardo come il sole d'estate, come una mosca impazzita che prende il vetro a testate, che sono un pezzo di pane, ma indurito dal tempo". I due artisti romani riescono a completarsi su melodie molto leggere e lente, in una sonorità avvolgente che rende il brano malinconico.

Il testo di Parli Parli

E tu parli, parli, parli
Alla cornetta in fretta
Come fosse un'interurbana
Hai solo un'ultima moneta da infilare
Poi mi lascerai da sola come una cretina
Questo cellulare maledetto ci divide
Ma ci fa anche avvicinare
Vicini non sappiamo stare

Vicini non sappiamo stare, sappiamo stare lontani
Come gatto e cane, montagna e mare, okay
Mi manchi come il pane, come il weekend
E non posso aspettare quindi ho bisogno di te
Ehi, di quella cosa che sai fare bene
Piovono processionarie, ehi
Tra i pini della capitalе noi facciamo slalom
E merci rare in una foto di una Kodak dell'82, еh eh
Hai bluffato ad incazzarti a bestia
Dai, ti prego, non fa' la molesta
E lo sai bene che io sono testardo come il sole d'estate
Come una mosca impazzita che prende il vetro a testate
Che sono un pezzo di pane, ma indurito dal tempo
E mo è tardi, tardi, tardi per ricominciare

E tu parli, parli e parli
Alla cornetta in fretta
Come fosse un'interurbana
Hai solo un'ultima moneta da infilare
Poi mi lascerai da sola come una cretina
Questo cellulare maledetto ci divide (Maledetto)
Ma ci fa anche avvicinare
Vicini non sappiamo stare

Mi dici: "Hello, amore mio grande" (Ciao)
Sei così di coccio e poi così fragile
Ti tagli con la luce tra le serrande
Ripensi a tuo nonno, trattieni le lacrime
Fai colazione volante, poi ti metti al volante
Adelante, adelante, adelante
Pensi che hai scordato qualcosa, ma cosa? (Boh)
Fai mente locale, ti leggo il labiale
Farfugli nervosa, devi fare la spesa (Poi)
Parli spesso da sola
Odi le tende chiare perché entra il sole
E non ti fa mai dormire (Ahó)
Non fa' la pesante, ti mando un bacio gigante
Eravamo perfetti, ma c'è mancato il collante
Ormai è tardi
E mo è tardi, tardi, tardi per ricominciare

E tu parli, parli e parli
Alla cornetta in fretta
Come fosse un'interurbana
Hai solo un'ultima moneta da infilare
Poi mi lascerai da sola come una cretina
Questo cellulare (Questo cellulare)
Maledetto ci divide (Maledetto)
Ma ci fa anche avvicinare
Vicini non sappiamo stare

Tutte le collaborazioni di Coraggio

Elodie risulta l'unica collaborazione pop dell'album, con Carl Brave che ha invitato artisti con linee vocali molto diverse tra loro: dalla sperimentazione punk trap di Taxi B, all'estrosità del duo Mara Sattei e Tha Supreme. Sorprendono le tracce con Guè Pequeno e Ketama 126, non per la scelta degli artisti, quasi preannunciati, ma per la produzione musicale su cui hanno dovuto rappare. Chiude l'album il featuring con Pretty Solero, l'altro componente della Lovegang, con cui Carl Brave ritorna nel passato, a sonorità appartenenti al disco precedente "Notti brave".