Lous e Sfera Ebbasta (ph Lorenzo Villa)
in foto: Lous e Sfera Ebbasta (ph Lorenzo Villa)

Migliorare un prodotto, un progetto in grado di rendere internazionale il rapper Sfera Ebbasta era impresa ardua, ma anche questa volta Shablo sembra aver apparecchiato una collaborazione in grado di elevare il rapper di Cinisello tra i top in Europa. Questa volta, il featuring arriva dal Belgio, e il nome è uno di quelli altisonanti nell'ultimo anno e mezzo: la rivelazione belga-congolese Lous and the Yazuka. Insieme hanno pubblicato nelle ultime ore "Je ne sais pas", una trap ballad che racconta il lato oscuro della fama, la solitudine e il cambio dei rapporti nel quotidiano: una prosecuzione di "Famoso" verrebbe da dire, l'ennesimo parallelismo con il passato per Gionata, con la vita che è riuscito a costruirsi.

La nascita di Je ne sais pas

Si ammiccavano da tempo i due artisti, dopo essersi conosciuti alla finalissima di X Factor 2019, dove da una parte Sfera Ebbasta era uno dei giudici, dall'altro lato la giovane popstar saliva sul palco adornata da un lungo vestito dorato, esibendosi nella hit "Dilemme". Da lì continui endorsement sui social da parte dell'artista belga, totalmente in estasi all'uscita di "Famoso", tale da raccontarlo come l'album migliore da ascoltare quando si ha voglia di divertirsi, nelle sue storie Instagram. Da settimane entrambi avevano annunciato una collaborazione, con chiari riferimenti all'Italia e a Shablo, producer del rapper di Cinisello, che ha poi firmato la produzione del singolo. "Je ne sais pas" è qualcosa che mancava in definitiva, a livello sonoro, a un progetto come "Famoso": una vibe lenta, una ballad in grado di aderire perfettamente alle sonorità vocali di Lous and the Yakuza, senza estromettere la vena pop-trap di Sfera Ebbasta, che gioca con alcune linee vocali per sopperire alla distanza di timbro con l'artista con cui collabora.

Il significato di Je ne sais pas

"Je ne sais pas" è un singolo che riesce a inserirsi perfettamente nel contesto di "Famoso", un brano in cui Sfera Ebbasta racconta la solitudine dopo il successo, un filo conduttore che ritroviamo in quasi tutti i brani del progetto. In maniera diversa, ma legata a doppio filo con Sfera Ebbasta, Lous and the Yakuza racconta una solitudine diversa dal racconto fatto in precedenza nel suo Ep "Gore", in cui il sentimento coinvolgeva praticamente l'assenza di alcune persone importanti nella sua vita. In questo caso l'artista belga racconta una solitudine dovuta alla fama, il suo lato oscuro, che la lascia sola anche circondata da migliaia di persone. Il concetto di esposizione mediatica viene ancora più rafforzato dall'idea di due giovani ragazzi che stanno cercando di lanciare un messaggio attraverso la musica, ma vengono catturati dal caos delle piattaforme social, dalla continua decontestualizzazione delle proprie parole.

Il testo di Je ne sais pas (Non lo so)

J'crois plus en rien (Grr)
J'sens plus le bien (Brr)
J'avance mais j'sais pas si je verrais demain
Reality show, parla di noi
Quelli come me, quelli come te
Je peux pas y croire (Brr)
C'est p't-être ça la vie (No, no)
Moi qui rêvait d'gloire (No, no)
J'ai perdu espoir
Non ci credono (Brr)
Euro nei sogni miei
Chiedi come si fa (Pow-pow-pow-pow-pow-pow)
Giuro, je ne sais pas

Jamais faire de faux pas
Du diable t'es l'avocat
Quand combat la rive, car en force c'est l'cœur d'un seul gars
J'en dеviens malade
Plus d'ennuis, d'еnnemis que de camarades
C'est l'Battle Royale, eh, oh
J'suis passée par là, marre de broyer du noir dans l'espoir d'voir ma terre natale, eh
[Refrain: Lous and The Yakuza & Sfera Ebbasta]
J'crois plus en rien (Grr)
J'sens plus le bien (Brr)
J'avance mais j'sais pas si je verrais demain
Reality show, parla di noi
Quelli come me, quelli come te
Je peux pas y croire (Brr)
C'est peut-être ça la vie (No, no)
Moi qui rêvait d'gloire (No, no)
J'ai perdu espoir
Non ci credono (Brr)
Euro nei sogni miei
Chiedi come si fa (Pow-pow-pow-pow-pow-pow)
Giuro, je ne sais pas

Non perdo mai
Il diavolo chiama per portare guai
Puff-puff, fumo sul divano con lei
Culo come le modelle di Yamamay
Quante volte ho detto: "Non va come vorrei"
A volte vinci, a volte perdi, a volte sbagli
A volte vivi, a volte muori
A volte vivi la vita degli altri
Piccoli drammi (Brr)
Fanno diventare questi grandi bastardi (No)
Fanno andare svelte quelle scarpe e quei passi (Skrrt-skrrt-skrrt)
Non ci pensavano manco a fare i cantanti
Però pensavamo a come fare i contanti (Brr-brr)
Auto sportiva per scappare via
Loghi sopra la mia sciarpa e la cinta
Non ci parliamo con la polizia
No, no, no, no (No-no)
Io non lo so (Brr), oggi mi sento solo
Anche in mezzo a ‘sti nomi sull'iPhone (Brr)
Non chiamerò (No)
Mo son loro che richiaman me
Sì, che richiaman me, uoh (Brr)

J'crois plus en rien (Grr)
J'sens plus le bien (Brr)
J'avance mais j'sais pas si je verrais demain
Reality show, parla di noi
Quelli come me, quelli come te
Je peux pas y croire (Brr)
C'est peut-être ça la vie (No, no)
Moi qui rêvait d'gloire (No, no)
J'ai perdu espoir
Non ci credono (Brr)
Euro nei sogni miei
Chiedi come si fa (Pow-pow-pow-pow-pow-pow)
Giuro, je ne sais pas

Il progetto europeo e l'apparizione di Lous a Sanremo 2021

A ben vedere la coppia Sfera Ebbasta e Lous and the Yakuza potrebbe essere quel progetto commerciale europeo in grado di ritagliarsi una buona fetta di pubblico anche negli Stati Uniti, sia per l'immagine che son riusciti a vendere sul mercato discografico, ma anche per le sonorità pop che sicuramente potrebbero strizzare l'occhio oltreoceano. Entrambi comunque si attestano in questo momento come due degli artisti europei più riconosciuti, in grado di travalicare confini anche con lingue diverse. Soprattutto per Lous adesso è arrivato ancora di più il momento di spingere il piede sull'acceleratore in Italia, dopo "Dilemme" con Mara Sattei e Tha Supreme, ma soprattutto con la sua esibizione al prossimo Festival di Sanremo, quando nella terza serata della kermesse musicale, dedicata alle cover e ai duetti, si esibirà sul palco dell'Ariston con la giovane Gaia Gozzi nella leggendaria "Mi sono innamorato di te" di Luigi Tenco.