Un'Anna Tatangelo come non l'avete mai ascoltata e come non ve l'aspettereste. Levatevi dalla testa la cantante pop che conoscevate fino a ieri, la cantante di Sora ha cambiato suono, come dimostra "Guapo", in cui duetta assieme a Geolier, stella nascente della trap napoletana. Se un assaggio lo aveva dato nella collaborazione con Achille Lauro, questa volta Anna Tatangelo pare abbia deciso di intraprendere definitivamente una strada diversa che la pone nell'onda lunga di un suono che in questi ultimi tempi sta andando per la maggkore. Niente pop anni 90/2000 ma una ricerca di qualcosa di più internazionale, con uno dei rapper più in vista della scena campana – in questo momento uno di quelli che rende oro, numericamente parlando, tutto ciò che tocca – e, per non uscire fuori dalla regione, la produzione di un altro talento locale come Dat Boi Dee (che ha collaborato con Highsnob, baby K ed Enzo Dong, tra gli altri), che stavolta però non mette tag al pezzo.

Il significato di Guapo

Come si legge nella nota stampa che accompagna il pezzo si legge che l'avvicinamento della cantante "alla scena urban è frutto di un percorso cominciato quasi per gioco poco più di un anno fa" quando, appunto, Anna Tatangelo ha incontrato Achille Lauro e Boss Doms per rifare "Ragazza di periferia". Questa "Guapo", dal suono latino ma lontana dal reggaton a cui siamo abituati, ma più vicina alla Latin Trap, è un doppio discorso, con una lei che tiene le distanze con il suo lui ("Guapo, scusami se non ti richiamo mi dici "ti amo" e non è il caso non sei a livello, baby, è claro") e qualche cedimento al testo un po' troppo pop ("Pensa a te che a me non manca niente di quello che hai mi basto da sola e no, non è un cliché. Una come me tu non l'hai vista mai, vista mai"), mentre Geolier mette in fila una serie di barre à la Geolier, appunto, e qualche "brr brr" sparso.

Il testo di Guapo

M'hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Dincelle a casa ca nun tuorne
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme

Guapo, scusami se non ti richiamo
Mi dici "ti amo" e non è il caso
Non sei a livello, baby, è claro
(Yeh, yeh, yeh, yeh, yeh)
Faccio sulo quatto passe
Cu ‘na tipa china ‘e strass
Traso pure senza pass, yeh
Dint"a capa che te passa?
Allora overo sî pazza, yeh
Mami sî bella ma ‘e vote ‘o ssaje buono c"a capa te schifo
(Brr, brr)
‘O ssaje so' nato c"a tuta, nun m'aggio maje miso ‘a cammisa
(Brrah)
Pensa a te
Che a me non manca niente di quello che hai
Mi basto da sola e no, non è un cliché
Una come me tu non l'hai vista mai, vista mai

M'hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
M'hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Dincelle a casa ca nun tuorne
Dincelle a casa ca nun tuorne
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme

Yeh, yeh, ehi
A casa tengo tutt"e cose, ma l'unica cosa ca nun tengo è ‘o Wi-Fi
Pecché se sape ca ‘e cose cchiù belle ca putimmo fa' se fanno offline
Je sto vulanno ncopp"a ‘na Yamaha
Tu staje luanno ‘n atu Yamamay
Scusa si dico: "Metto ‘a capa apposto"
Ma in fondo ‘o sapimmo nun succede maje, yeh
Se pensi di conoscermi, baby, sei fuori strada
Non voglio diamanti, viaggi, né borse di Prada
Se mi incontri in giro e sono sul mio fuoristrada
Tu non mi guardare in faccia figlio di
Yeh, nun me dicere: "Pecché?", viene cu mme
Te ne fuje da me oppure cu mme
Lievate ‘e tacche ca nun so pe' te
Vattenne ‘a casa ca nun simmo pe' te
Sî capitato c"o hijo de puta
Aggiro ‘e penziere c"o ghiaccio e sambuca
Fumma ‘n appoco ca adoppo se vede
Si songo ‘nu scemo oppure ‘nu hijo de puta

M'hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto, (Brraah)
M'hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Rincell a casa ca nun tuorn
Rincell a casa ca nun tuorn
Ossaj che a casa mj nun s'ròrme
Ossaj che a casa mj nun s'ròrme