Ghali ed Eto’o (ph Andrea Lamedica)
in foto: Ghali ed Eto’o (ph Andrea Lamedica)

Farlo per la famiglia e non per i soldi, dice Ghali in "1993", il nuovo singolo prodotto da AVA e tratto da "DNA Deluxe X", il repack dell'ultimo album. Un inizio da pioniere della trap italiana e un percorso che lo ha portato a diventare uno dei modelli del nuovo pop italiano, Ghali continua a giocare tra i generi senza mai soffermarsi su uno solo. Autore di hit come "Cara Italia" e "Good Times", il cantante è di quelli ancora in cerca di un equilibrio non semplice tra l'underground e il pop, permettendosi – caso più unico che raro – anche inciampi e ammettendo che è dall'errore che in qualche modo si può anche risalire.

Il significato di 1993

Quello che in molti vedono come una sua debolezza, ovvero un'identità musicale fluida, per altri è esattamente il suo punto di forza. Ghali sa fare entrambe le cose, lo ha dimostrato e continua a farlo. E "1993" rientra perfettamente in questa narrazione. Prodotto da AVA, sodale da tempo di Capo Plaza, il brano è meno pop ma anche nel testo cerca – perdendosi in un paio di punti – di distaccarsi dal racconto un po' noioso che in qualche modo stereotipizza la trap. Le prime quattro barre stanno lì proprio per chiarire il punto: "Lo faccio per la fam, non per gli orologi, da piccolo giocavo al rap, sognavo tanti soldi. Cosa mi direbbe il Ghali di oggi? 1-9-9-3, sono un vero OG". Insomma, alla faccia degli orologi, è la famiglia, la crew, gli amici di sempre, quello che conta, non i soldi che sognava quando sperava di diventare uno dei primi, anzi, è proprio oggi che ha capito questa cosa a essere diventato un vero OG (Original Gangster).

L'importanza della Fam

Il "1993" è ovviamente l'anno di nascita di Ghali ed è il riassunto proprio delle riflessioni intime del cantante che nel video ha voluto i suoi amici di sempre, la fam, appunto – ci sono Cilu, Dende, Fawzi, Hicham, Joel, Nathan, Sami, Samuel e Davide Dev (Dj storico di Ghali) – oltre a una guest star di livello come Eto'o, il calciatore nigeriano che è stato una bandiera dell'Inter, a dimostrazione anche dell'apertura, dal momento che il cantante è milanista. Eto'o è funzionale alla metafora calcistica che Ghali porta avanti. nel video lui e gli amici sono una squadra di calcetto, c'è il campo, gli incitamenti, lo spogliatoio e il ritorno a casa fermandosi a prendere un panino (qui, lo ammettiamo, quando il product placement diventa praticamente la seconda parte della narrazione difficilmente si riesce a mantenere intatta la sospensione dell'incredulità che usiamo quando guardiamo film e leggiamo storie).

Tra i brand e i campetti di periferia

"Mi scusi posso entrare in campo mister? Dalla panchina tu non sai quante ne ho viste" rappa Ghali in un paio di barre che qualcuno ha visto come il prosieguo di "A volte mi metto in disparte, faccio giocare gli altri ma il mister mi rimette perché siete troppo scarsi" che cantava in "Optional". Eto'o, però, si capisce anche dalla nota stampa che accompagna il video, non è lì solo per quello che ha rappresentato nel calcio, ma anche quello che ha rappresentato nella lotta al razzismo e si fa intendere come la collaborazione tra i due non finisca qua. Resta, però, sempre quel qualcosa che, in fondo, stride un po' in tutto questo racconto sulla fam e non sugli orologi, ovvero questo contrasto tra l'ostentazione della BMW e dei vestiti Gucci e il racconto del campetto di periferia, questo cercare di ripulirsi dal successo con un racconto che non riesce a farne a meno. Resta, alla fine, comunque, la scelta del cantante di devolvere l'intero devoluto del repack ai lavoratori dello spettacolo

Il testo di 1993

Lo faccio per la fam, non per gli orologi
Da piccolo giocavo al rap, sognavo tanti soldi (Okay)
Cosa mi direbbe il Ghali di oggi?
1-9-9-3, sono un vero OG
Lo faccio per la fam (Fam), non per gli orologi (Okay)
Da piccolo giocavo al rap, sognavo tanti soldi
Cosa gli direbbe il Ghali di oggi?
1-9-9-3, sono un vero OG

Mantengo sempre il mio couture
Le piace, quindi fa "zoom"
Mi manda pere senza rum
Si gonfian fino a fare "boom"
Mi scusi, posso entrare in campo, mister?
Dalla panchina tu non sai quante ne ho viste
Ho un occhio felice e l'altro triste
Fai la brava, potresti essere mia sister, ah
Dammi solamente un'altra notte
So che vuoi vedere il pеggio di me
Do i numeri e nеssuno risponde
Sembra quasi che ce l'hanno con me

Lo faccio per la fam (Fam), non per gli orologi (Okay)
Da piccolo giocavo al rap, sognavo tanti soldi (I soldi)
Cosa mi direbbe il Ghali di oggi? (Quello di oggi)
1-9-9-3, sono un vero OG

1-9-9-3, sono un vero OG
Parlo di cento K come se fossero dieci
I-I-In top 10 ho due/tre pezzi come coca
Aspetti la diretta già alle dieci meno dieci, è vero
Quanto fa 10 meno 10? Zero
Come se ti tolgo tutto l'ego, mhm
Bada come parli a questi figli di badanti
Cane mangia cane, tutto il male torna indietro, frr
È arrivata in zona quella buona
Dove sei, baby? Non vedo l'ora (Baby)
So che vuoi vedere solo il peggio di me
Lei mi dice che ne vuole ancora
Cerco te nel mio cercapersona (Skrrt)
Sai che io non ho una vita sola
Se ti metti contro, è solo peggio per te (Ah)

Lo faccio per la fam, non per gli orologi
Da piccolo giocavo al rap, sognavo tanti soldi (Per i soldi)
Cosa mi direbbe il Ghali di oggi? (Quello di oggi)
1-9-9-3, sono un vero OG
Lo faccio per la fam (Fam), non per gli orologi (Okay)
Da piccolo giocavo al rap, sognavo tanti soldi (I soldi)
Cosa gli direbbe il Ghali di oggi? (Quello di oggi)
1-9-9-3, sono un vero OG