21 Maggio 2022
12:31

Il rito rock di Vasco Rossi davanti a 120mila persone: nessuno unisce generazioni diverse come lui

Vasco Rossi torna live dopo lo stop forzato della pandemia e riprende da dove ha interrotto, ovvero decine, centinaia di persone che partecipano al suo rito musicale.
A cura di Redazione Music
Vasco Rossi a Trento (LaPresse)
Vasco Rossi a Trento (LaPresse)

Centoventimila persone si sono ritrovate a Trento per il Trentino Music Arena ma soprattutto per tornare a celebrare quel rito nazionale che è Vasco Rossi. Quel rito nazionale che è un concerto di Vasco Rossi. Che poi chiamarlo "concerto" ormai sembra sempre più riduttivo, dal momento che il rocker ormai crea vere e proprie fiumane di gente, e con un solo concerto manderebbe sold out una decina di concerti di top artist italiani. Questa cosa, ormai, ce la diciamo da anni visto che il cantante è riuscito a costruire attorno a sé la più grande fanbase musicale del Paese, in grado di non spegnersi mai, anzi, di continuare a crescere e fare nuovi adepti. Che piaccia o meno, Vasco è l'unico fenomeno che riesce a passare da genitori a figli/e con una facilità sorprendente, alla faccia delle distanze generazionali, di quelle musicali oltre che anagrafiche tra nonni, nonne, padri, madri, figli e figlie.

E Vasco non delude mai il suo pubblico, creando uno spettacolo maestoso, continuando a muoversi nel suo mondo che da anni ormai mescola il rock a una sorta di hippismo pacifista. Una direzione che cerca il rock hard a livello musicale, soprattutto nella sua versione live, e una sorta di pace interiore ed esteriore che manifesta a ogni piè sospinto. Il fascino e il carisma di Vasco sono talmente grandi che neanche le sue prese di posizioni nette contro tutto il variegato mondo no vax sono riuscite a scalfirli. E per questo lui va dritto come un treno e dal palco di Trento, oltre a esibirsi con le sue canzoni più amate, alternate agli ultimi successi, Vasco non lascia passare la questione guerra.

Non c'è alcun riferimento esplicito a Ucraina o Russia, non c'è alcun "Fuck Putin" lanciato dal palco, ma un più generico "fuck the war": "Fanculo la guerra – è il grido che lancia durante ‘Sballi ravvicinati del terzo tipo' -. Noi siamo contro la guerra, contro tutte le guerre, perché tutte le guerre sono contro la civiltà. Tutte le guerre sono contro l'umanità, contro le donne, contro i bambini, contro gli anziani. E la musica è contro la guerra. Pace, amore e musica. Facciamo l'amore. L'amore e la musica" ha chiosato il rocker, lanciando il suo messaggio pacifista. Il pubblico è talmente ampio che il concerto comincia con mezzora di ritardo per permettere a tutti di entrare nell'area, ma il risultato è esplosivo.

Due ore e mezzo di concerto cominciate con XI Comandamento e in cui c'è stato un po' dell'ultimo album, ma anche grandi classici degli anni '80 e '90, da Un senso a Ti taglio la gola, Toffee o Siamo soli, Stupendo, Rewind, C'è chi dice no, Gli spari sopra, ma soprattutto le parole d'amore per il proprio pubblico (saranno in 660 mila a seguirlo negli 11 appuntamenti live che si terranno questa estate): "Quanto mi siete mancati, era da tempo che volevo farvi sentire queste canzoni. Finalmente, non ci credevo quasi più: sono molto eccitato, è incredibile, è stata lunga però siamo ancora qua, evviva".

Vasco Rossi manda in tilt Trento: più di 120mila persone da tutta Italia
Vasco Rossi manda in tilt Trento: più di 120mila persone da tutta Italia
Da Ilary Blasi a Claudia Gerini, tutti i Vip al Circo Massimo per il concerto di Vasco Rossi
Da Ilary Blasi a Claudia Gerini, tutti i Vip al Circo Massimo per il concerto di Vasco Rossi
L'emozione di Vasco Rossi al 'Maradona'. Cori nella notte davanti all'hotel sul lungomare
L'emozione di Vasco Rossi al 'Maradona'. Cori nella notte davanti all'hotel sul lungomare
6.234 di Viral Show
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni