Un altro lutto sconvolge il mondo del rap americano. Nipsey Hussle è stato ucciso domenica 30 marzo, nel corso di una sparatoria avvenuta fuori dal suo negozio di abbigliamento a Los Angeles, "Marathon Clothing". Secondo il comunicato della polizia, altre due persone che si trovavano con lui sono rimaste ferite dai colpi d'arma da fuoco. Tutte e tre le vittime sono state portate in ospedale, dove Hussle, 33 anni, è stato dichiarato morto. Gli altri due feriti risulterebbero in condizioni stabili. Le indagini sono ancora in corso e non ci sarebbero al momento dei sospettati.

L'ultimo inquietante tweet

Secondo il Los Angeles Times, un uomo di colore non identificato sarebbe stato visto scappare in auto dal parcheggio davanti al negozio di Hussle, ma al momento non risultano disponibili ulteriori dettagli. E nelle ore in cui si manifesta il cordoglio per la morte del rapper, l'ennesimo decesso violento nel mondo dell'hip hop statunitense, desta inquietudine l'ultimo tweet che l'artista aveva scritto, appena poche ore prima di morire: "Avere nemici forti è una benedizione".

Chi era Nipsey Hussle

Nato Ermias Davidson Asghedom nel distretto di Crenshaw, South Los Angeles, di origini eritree, da adolescente Hussle aveva fatto parte della gang locale dei Rollin 60's Neighborhood Crips. Nel 2010 aveva fondato l'etichetta All Money In e aveva ottenuto particolare successo con il mixtape "Crenshaw" (2013). Nel 2018, il suo primo album "Victory Lap" ha debuttato al quarto posto nella Billboard 200 ed è stato nominato ai Grammy awards, nella categoria miglior album hip hop. Dal 2013 era legato all'attrice Lauren London, da cui nel 2016 aveva avuto un figlio. Hussle era anche padre di una bambina di nome Emani, nata da una precedente relazione. Nel suo quartiere era molto noto e rispettato anche perché proprietario di diverse attività e per le sue opere in favore dei bisognosi.

Il cordoglio delle star

Immediato il cordoglio di diverse star della musica americana. Sconvolta Rihanna, che su Instagram scrive: "Tutto questo non ha alcun senso! Il mio spirito è scosso da quello che è successo! Caro Dio, che il suo spirito riposi in pace e possa concedere il conforto divino a tutti i suoi cari!". "Triste, furioso e amareggiato per il mio ragazzo Nipsey Hussle", ha commentato Ice Cube su Twitter, mentre un addolorato Drake ha svelato di aver pensato recentemente a una collaborazione con lui: "Tutta la mia energia è crollata in questo momento. C'eravamo sentiti per la prima volta dopo anni, dicendoci che  avremmo fatto una nuova canzone quest'estate perché era passato troppo tempo. Eri una persona vera per il tuo popolo e per tutti noi". Il sindaco di Los Angeles, Eric Garcetti, ha twittato: "I nostri cuori sono con la famiglia di Nipsey Hussle e siamo tutti toccati da questa terribile tragedia. LA viene ferita profondamente ogni volta che una giovane vita viene persa a causa di una violenza insensata".