Anche in Italia pian piano "In my feelings", il video dell'ultimo singolo di Drake, tratto dal suo nuovo album "Scorpion" sta diventando virale, e sta scalando la classifica dei Trend su Youtube. Il secondo video del pezzo, quello ufficiale, che ha seguito il lyric che ha oltre 100 milioni di views, ne ha raggranellate quasi altre 50 milioni, portando la canzone altri ascolti a quelli che erano già record in streaming, come ormai ci ha insegnato il rapper americano, uno dei più forti sulle piattaforme. A questa capacità, costruita nel tempo, di essere un punto di riferimento in streaming, Drake ha anche aggiunto un'involontaria viralità che ha giustamente accreditato all'attore Shiggy che, all'uscita del singolo ha inventato una danza diventata un must, nel frattempo e che appare anche nel video ufficiale uscito lo scorso 3 agosto.

"Kiki do you love me", anche Will Smith balla

Nel video, diretto da Karena Evans e prodotto da Popp Rock, si racconta la storia di un ragazzo che cerca di riconquistare la donna amata, rinunciando alle attenzioni di tutte le altre donne che gli gravitano attorno: al video hanno partecipato anche alcune famose celebrità internazionali, come Phylicia Rashād, la Claire Robinson, moglie di Cliff nella sitcom degli anni ottanta I Robinson, la star televisiva americana La La Antony e lo stesso Shiggy, appunto, che con un semplice video su Instagram, in cui ballava sulle note della canzone di Drake ha creato un vero e proprio fenomeno virale che ha portato alla creazione di video della Shiggy Dance anche da parte di artisti come Will Smith, Dua Lipa, Ciara, Steve Aoki oltre a migliaia di fan, alcuni dei quali sono finiti anche in coda al video ufficiale in cui proprio poco prima del collage di video Drake si sveglia dal sonno e dice: "Ho appena fatto un sogno assurdo, che il ragazzo di New York che sputacchia ogni volta che parla ha creato una specie di ballo e tutto il mondo si è messo a ballarlo e anche Will Smith, nessuno voleva fermarsi". Oggi, insomma, soprattutto negli Usa se si sente qualcuno cantare "Kiki do you love me" si sa a cosa si sta facendo riferimento (Kiki, inoltre, è la sua ex fidanzata, Keshia Chanté, citata proprio nei primi versi della canzone).

A post shared by Shoker🃏 (@theshiggyshow) on

Tutti i record di Drake

Grazie a questa viralità, inoltre, la canzone ha ottenuto, nella sua seconda settimana, 116,2 milioni di stream negli Usa battendo il record di stream in una settimana detenuto, in precedenza, dall'"Harlem Shake" di Baauer, uscito nel 2013, record che si aggiunge a quello che vede l'artista come quello che in questo decennio si è posizionato al #1 della Billboard Chart per più settimane (42 in totale), sorpassando la collega Rihanna grazie a pezzi come  "Nice for What", "God's Plan", "One Dance", "Work" e "What's My Name?" tra le altre.

Scorpion è secondo in classifica in Italia

Intanto l'album di Drake, un doppio che vede collaborazioni importanti come quelle di Jay-Z per il singolo “Talk Up”, Static Major & Ty Dolla Sign per “After Dark” e un duetto sulle note di “Don’t Matter To Me” con Michael Jackson, continua ad andare molto bene anche in Italia dove sosta in seconda posizione della classifica FIMi degli album più venduti della settimana, alle spalle solo del pigliatutto Irama.