Da tempo i grandi artisti italiani chiedevano al Governo parole chiare sulla possibilità di fare o meno concerti questa estate. Da Tiziano Ferro a Cesare Cremonini, passando per Laura Pausini, avevano chiesto al Governo di poter sapere se fosse o meno possibile confermare i concerti negli stadi e nelle grandi arene. Con il nuovo Dpcm il Governo ha risposto e ha detto no. Stando alle nuove disposizioni, infatti, il numero massimo per gli spettacoli all’aperto sarà di 1000 spettatori, che scenderanno a 200 per quelli in luoghi chiusi (come i teatri). Queste nuove regole hanno portato, quindi, all'immediato spostamento di alcuni dei tour più grandi e attesi della prossima estate e alla posizione ufficiale di tanti organizzatori che hanno dato appuntamento al prossimo anno.

Stop ai grandi eventi live estivi

Molti promoter italiani, quindi, hanno stilato una nota comune in cui annunciano il fermo dei grandi eventi live estivi, sia concerti singoli che live: "Estate 2020. I grandi eventi live si fermano, alla luce delle disposizioni governative in tema di salute pubblica che vietano assembramenti di persone – si legge nella nota -. Una decisione condivisa dalla gran parte dei produttori e organizzatori di spettacoli di musica dal vivo, che fanno sentire unita la loro voce. Un segnale necessario che non significa che la musica dal vivo si arrenderà. L'appuntamento con i grandi eventi live dell'estate 2020 è infatti rimandato al 2021, che sarà una stagione ancora più grande e magica che mai". Gli organizzatori, sotto il cappello di Assomusica, quindi, hanno pubblicato il cartellone di tutti gli eventi cancellati da aziende come Live Nation, Friends&Partners, Vivi Concerti, Vertigo, D'Alessandro e Galli, Comcerto, Magellano concerti, più i festival. Da Nick Cave a Claudio Baglioni, passando per Venditti e De Gregori, Brunori Sas, Eric Clapton, Pearl Jam, Michael Kiwanuka sono tanti gli artisti che quest'anno saltano, così come festival come Rock in Roma, Firenze Rocks, I-Days (l'elenco completo è qui).

Il tour rinviato di Tiziano Ferro

Tra i big della musica italiana, Tiziano Ferro, Vasco Rossi, Andrea Bocelli, Zucchero, Cesare Cremonini, Ultimo, Gianna Nannini hanno annunciato che i loro tour negli stadi o in luoghi aperti in cui erano previste più di 1000 persone, sono stati spostati al 2021. Tiziano Ferro, che durante la sua ospitata a Che tempo che fa aveva chiesto chiarezza, è stato il primo ad annunciarlo e man mano stanno arrivando a valanga tutti gli altri annunci: "Anche se poco sorprendente, la notizia è ufficiale: Il tour previsto quest'anno con partenza sabato 20 maggio 2020 è posticipato al 2021" ha scritto il cantante.

Rinviato il tour di Vasco Rossi

"La conferma di quanto già immaginavamo è arrivata con il decreto legge, n 33 del 16 maggio 2020, che vieta per questa estate ‘assembramenti' e quindi i grandi concerti che erano previsti per quest’anno. La notizia, che non ci ha colto di sorpresa, è arrivata nei giorni in cui Vasco e tutto il suo staff al completo – band e tecnici – avrebbero dovuto ritrovarsi, a Rimini, per iniziare le prove concerto di un tour da oltre 360.000 spettatori  già ‘prenotati' si legge sulla pagina Instagram di Vasco Rossi. Le nuove date saranno annunciate entro fine maggio, ma pr quanto riguarda i biglietti si specifica che quelli "già acquistati rimarranno validi per i rispettivi concerti del 2021. Chi desiderasse, in ogni caso, avere il rimborso, avrà la facoltà di richiedere un “voucher” di pari valore a quello indicato sul biglietto precedentemente acquistato e comprensivo, dunque, del diritto di prevendita entro il 15 giugno 2020.

Rinviati i live di Andrea Bocelli

Per quanto riguarda Andrea Bocelli, i tre eventi previsti per la prossima estate sono sati spostati e per due di loro è stata individuata anche la nuova data: il concerto alle Terme di Caracalla di Roma previsto per il 21 giugno 2020 sarà posticipato di un anno esatto e si terrà il 21 giugno 2021, gli eventi al Teatro del Silenzio di Lajatico previsti per il 24 e 26 luglio 2020 saranno posticipati al 22 e 24 luglio 2021, mentre per quello di Piazza Castello di Marostica previsto il prossimo 16 settembre si attend ancora la nuova data.