Oggi l'Ospedale Vito Fazzi di Lecce ha diramato il nuovo bollettino medico di Lele Spedicato, il chitarrista dei Negramaro che due settimane fa è stato ricoverato d'urgenza a causa di un'emorragia cerebrale che ha tenuto familiari, amici, colleghi e fan col fiato sospeso. Oggi le condizioni del musicista sono in lieve miglioramento, benché la prognosi resti riservata e i Negramaro hanno voluto scrivere un messaggio per il loro amico sui propri social, tornando a farlo pubblicamente dopo i due messaggi in cui chiedevano ai fan di pensare fortissimamente a Lele, e oltre a quelli con cui, singolarmente, i componenti della band avevano voluto mandargli un pensiero.

Le parole dei Negramaro

"Fratello, queste due settimane sono state le più difficili della nostra storia – si legge sui loro profili -. Ci stai insegnando ad essere sempre pronti a lottare per l’amore che ci circonda, per quello che ti sta dando vigore in questi giorni, che ti arriva forte da ognuna delle persone che ti ha vissuto profondamente ma anche da chi ti conosce appena. La grande forza di volontà che hai dimostrato finora inizia a rasserenarci. Non smetteremo di incoraggiarti e a starti accanto fin quando non ti sarai ripreso la tua vita meravigliosa.  Continua così, noi ci saremo sempre! #ForzaLele". Un messaggio emozionante quella della band che a corredo posta una foto che li ritrae assieme e sorridenti.

Le condizioni di salute di Lele Spedicato

Nell'ultimo bollettino medico diramato poche ore fa, i medici hanno scritto che le condizioni di Lele sono in lieve e costante miglioramento, che le sue condizioni sono state monitorate quotidianamente con risultati sempre buoni per quanto riguarda i suoi parametri vitali: "Pur restando la prognosi riservata, Spedicato ha evidenziato progressi dal punto di vista neurologico, recuperando lo stato di coscienza e dando risposte ai primi stimoli cui è stato sottoposto".

Quando Lele uscirà dall'ospedale

Non ci sono ancora informazioni riguardo alle tempistiche che ci vorranno affinché il cantante possa tornare a casa. Le condizioni di salute, infatti, benché in miglioramento restano sotto controllo e la prognosi, infatti, non viene sciolta. I progressi sono costanti, quindi, ma bisognerà aspettare ancora qualche settimana per avere informazioni sui tempi di recupero del chitarrista. Nel bollettino medico di dieci giorni fa, infatti, i medici avevano spiegato che avrebbero atteso qualche giorno in più prima di dare notizie ufficiali perché sarebbero serviti un po' di giorni "per poter valutare gli sviluppi del quadro clinico neurologico".