123 CONDIVISIONI

Gemitaiz critica Berlusconi nel giorno della morte, poi si scusa: “Sbagliati i tempi, non il disprezzo”

Dopo le critiche a Berlusconi, scritte nel giorno della morte dell’ex Premier, Gemitaiz corregge il tiro su tempistiche e modi, ma non sul pensiero.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Redazione Music
123 CONDIVISIONI
Immagine

La morte di Silvio Berlusconi non ha lasciato indifferente il Paese, anzi. Dirette tv, speciali dei Tg, lunghissime discussioni online, articoli dei media internazionali, e il botta e risposta tra chi lo amava e chi non lo sopportava, tra coloro per cui Berlusconi è stata una manna per il Paese e chi, al contrario, pensa che sia stata una sciagura. Questa narrazione ha avuto i propri sviluppi anche in campo musicale, con chi ha voluto rendergli omaggio, come Emis Killa e Arisa e chi, al contrario, ha preferito mantenere fermo il proprio pensiero negativo anche nel giorno della morte, come Gemitaiz, che già in passato aveva avuto scontri importanti con il mondo politico della destra e con Matteo Salvini in particolare.

Il rapper romano è sempre stato molto chiaro e preciso su ciò che pensa di alcuni politici, compreso Berlusconi, e non era difficile immaginare cosa pensasse anche nel giorno della morte, quello per cui, secondo alcuni, non si può criticare ciò che Berlusconi e il berlusconismo sono stati per l'Italia. Gemitaiz ha un po' incrinato questa narrazione, ed essendo uno dei rapper italiani più famosi, ha creato anche un po' di scompiglio, lasciando spazio soprattutto a chi, da destra, cerca colpevoli da additare all'altare del Cavaliere. Gemitaiz, infatti, aveva pubblicato storie in cui ha ribadito la sua idea sull'ex Presidente del Consiglio, salvo poi aggiustare il tiro sui toni e la tempistica usate.

All'inizio, infatti, il rapper aveva accolto con un "Alleluja" la notizia della scomparsa di Berlusconi, spiegando che "nel giorno della sua morte, politici e giornali parleranno di lui come di uno statista, di un esempio di grande imprenditore, di uomo al servizio dello Stato. Noi però ricordiamo bene cosa ha rappresentato Silvio Berlusconi: uno dei ventenni promotori negli ultimi 30 anni delle peggiori politiche antipopolari, di guerre, privatizzazioni, liberalizzazioni e tagli alla spesa sociale". A quel punto il rapper aveva continuato così: "Un ‘curriculum’ fatto quindi di sfruttamento, leggi ad personam, accuse di corruzione, evasione fiscale, rapporti con la criminalità organizzata e lotta contro i diritti e le condizioni di vita degli strati popolari. Non lo piangeremo. Non perderò tempo a rispondere a nessuno. Non siete d’accordo? Unfollowate pure. Non lo trovate carino? Unfollowate pure. La libertà d’espressione è ancora in vigore. Il buonismo da 3 euro qui non lo troverete".

Nelle scorse ore, però, Gemitaiz ha scritto altre storie, scusandosi ma non rinnegando il succo del discorso: "Sicuramente sono stato impulsivo e indelicato nella mia storia di ieri e me ne dispiaccio. È stata un’uscita che voleva essere sarcastica ma riflettendoci è stata insensibile, aldilà di quale sia la mia posizione. E me ne dispiaccio. Ci tengo anche a dire che non era certo mio interesse essere al centro dell’attenzione mediatica, a volte dimentico di essere un personaggio pubblico e mi scordo di mettere i filtri nel comunicare. In ogni caso accetto le conseguenze delle mie azioni qualunque esse siano, come è giusto che sia". Il riferimento è, probabilmente, alla sua partecipazione all'evento organizzato da Fedez LoveMi, che sarà trasmesso su Canale5.

Rispondendo a chi gli diceva che poteva essere una contraddizione, Gemitaiz ha scritto: "A me di andare su Mediaset non me ne frega niente, io sono stato invitato a suonare a un concerto di beneficenza… Possono tranquillamente non trasmettermi in televisione e lo farei lo stesso… Se volessero eliminarmi dalla line up o non trasmettermi in televisione accetterei la decisione senza tanti problemi". Su IG, quindi, il rapper ha ribadito: "Ovviamente il mio peccare di insensibilità e il pessimo tempismo della mia affermazione non cancellano il disprezzo che provo per tutto quello di cui è stato artefici e partecipe. Non cancella l’efferatezza e la mancanza di sensibilità totale che ha avuto nei confronti di chi è stata una sua vittima".

Immagine
Immagine
123 CONDIVISIONI
Gemitaiz fuori da Love Mi, il concerto su Mediaset. Alla morte di Berlusconi aveva detto "alleluja"
Gemitaiz fuori da Love Mi, il concerto su Mediaset. Alla morte di Berlusconi aveva detto "alleluja"
Del Debbio: "Su morte Belusconi, critiche per toni sdolcinati. A Mediaset, diritto di onorarlo"
Del Debbio: "Su morte Belusconi, critiche per toni sdolcinati. A Mediaset, diritto di onorarlo"
Morte di Berlusconi, la gaffe di Massimo Boldi sotto al post di Meloni: "E ora tocca a te"
Morte di Berlusconi, la gaffe di Massimo Boldi sotto al post di Meloni: "E ora tocca a te"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni