Franco Battiato (ph Roberto Pagliani)
in foto: Franco Battiato (ph Roberto Pagliani)

“Torneremo ancora” sarà l'ultimo album di Franco Battiato, come conferma il manager Franco Cattini. Il cantautore siciliano non sta bene, come si sa da tempo e come hanno confermato anche durante la conferenza stampa di lancio del disco i suoi collaboratori: "Non possiamo dire che sta male, ma non sta sufficiente bene per essere presente a parlare di questo nuovo progetto" sono state le parole per giustificare l'assenza dell'artista siciliano in conferenza stampa. Una conferenza stampa in cui sono state mandate in onda alcune immagini che ritraevano un Battiato molto stanco, talvolta seduto al mixer, che pareva discutere – l'audio era off – con i suoi collaboratori.

La polemica del collaboratore Roberto Ferri

Nei giorni scorsi Fanpage.it aveva intervistato Roberto Ferri, collaboratore del Maestro, che aveva parlato di un cantante che non stava bene: "Cercano di tenere in vita qualcosa che è già morto (…) Franco mi diceva sempre che non aveva testi pronti. L’ultima volta ci siamo sentiti al telefono un anno fa. Perché componeva al momento, quando pensava al progetto. Non so da dove abbiano tirato fuori questa roba che pubblicheranno" aveva detto l'autore, parlando di questo brano scritto da Battiato con Juri Camisasca e scatenando non poche polemiche. Da anni ormai Franco Battiato non appare in pubblico se non tramite foto postate sui suoi social: da quando si fratturò femore e bacino nel 2017. Nel frattempo c'è stato molto silenzio, qualche voce, nessuna conferma sulla sua salute ma la smentita della famiglia che continua a parlare di un Battiato in ripresa.

Un altro inedito "Io non sono più io" depositato in SIAE

Questo inedito sarebbe l'ultimo brano, come detto da Cattini ("Franco non ha neanche un accordo da parte, né canzoni") che, però, al contempo non smentisce, anzi conferma l'esistenza di un altro brano, "Io non sono più io", scritto proprio da Ferri e destinato, inizialmente, alla voce di Tiziano Ferro: "Era praticamente concluso, mancava solo un finale ma testo e musica erano pronti. Non aveva neanche pensato registrarlo personalmente, anzi, voleva che lo facessi io ma gli consigliai di proporlo a qualche nome più altisonante per dare al brano la visibilità che meritava. Con me sarebbe stato sprecato. E infatti fu proposto a Tiziano Ferro" come aveva raccontato Ferri a Fanpage.it. Il brano, inoltre, è stato depositato alla SIAE con Franco Battiato compositore e Roberto ferri autore delle parole originali.

Torneremo ancora scritto per Andrea Bocelli

Anche "Torneremo ancora", però, nacque con l'idea di donarla a qualcun altro, per la precisione Andrea Bocelli: "La canzone nasce da una richiesta di Caterina Caselli che stava raccogliendo idee per l'album di Andrea Bocelli – ha detto Cattini – Franco si mise a lavorarci su ma non entrò nell'album. L'inedito risale al 2016 ed è stato registrato come scrittura e voce da Franco al computer; l'orchestra è stata registrata a maggio di quest'anno partendo dalle partiture di Franco: c'era una versione precedente con Yuri Camicasca, con cui l'ha scritto".

Le canzoni di Torneremo ancora

"Torneremo ancora" contiene 14 tra i brani più rappresentativi brani dell'opera del cantante, registrati durante le prove di alcuni concerti nel 2017 con la Royal Philharmonic Concert Orchestra, diretta dal Maestro Carlo Guaitoli. Nell'album si possono ascoltare: "Torneremo ancora", "Come un cammello in una grondaia", "Le sacre sinfonie del tempo", "Lode all'inviolato", "L'animale", "Tiepido aprile", "Povera patria", "Te lo leggo negli occhi", "Perduto amor", "Prospettiva Nevsky", "La cura", "I treni di Tozeur", "E ti vengo a cercare", "Le nostre anime", "L'era del cinghiale bianco".