video suggerito
video suggerito

Frances Bean Cobain: “Non amo i Nirvana e mio padre Kurt non è un eroe”

All’uscita del documentario “Montage of Heck” su Kurt Cobain, la figlia Frances Bean rivela a Rolling Stone di non essere una grande fan dei Nirvana e smonta il mito del padre, icona maledetta del rock: “Siamo ossessionati dai musicisti morti e vogliamo a tutti costi farne dei santi, ma lui era anche un ragazzo che ha abbandonato la sua famiglia in modo orribile”.
A cura di Valeria Morini
68 CONDIVISIONI
Immagine

"Non amo i Nirvana poi così tanto". A pronunciare queste parole non è stato un fan della musica pop che snobba i tempi d'oro del grunge e degli anni 90. Ironia della sorte, la dichiarazione di disamore per la band, responsabile di quella che è forse stata l'ultima vera rivoluzione del rock, arriva da Frances Bean Cobain. Proprio la figlia di Kurt Cobain, leader dei Nirvana e immortale icona musicale a dispetto della sua scomparsa così precoce e dolorosa ventun'anni fa, ha ammesso di non apprezzare più di tanto l'arte prodotta dal celebre padre.

Lo sconcertante annuncio è stato pronunciato da Frances in un'intervista a Rolling Stone, rilasciata per l'uscita del documentario “Montage of Heck”, dedicato proprio alla figura di Cobain. Il film, diretto da Brett Morgen e presentato in anteprima allo scorso Sundance Film Festival alla presenza della ragazza e della madre Courtney Love, uscirà nelle sale italiane il 28 e 29 aprile.

Non amo così tanto i Nirvana [sorride]. Sono più il tipo da Mercury Rev, Oasis, Brian Jonestown Massacre [ride]. La scena grunge non è qualcosa a cui sono molto interessata. Ma "Territorial Pissings" [da Nevermind] è una canzone dannatamente grande. E "Dumb" [da In Utero], beh, piango tutte le volte che la sento. È una versione essenziale della percezione che Kurt aveva di se stesso, di com'era quando era sotto l'effetto di droghe e quando no, di quanto si sentisse inadeguato a incarnare la voce di una generazione.

A soli 22 anni, nonostante l'ingombrante eredità paterna e un'infanzia difficile contraddistinta dal difficile rapporto con la madre allora tossicodipendente, Frances ha personalità stile da vendere, una passione per l'arte visiva e la consapevolezza di chi forse ha compreso quel padre mai conosciuto più di chiunque altro. E, come precisa a Rolling Stone, ha voluto che nel documentario Kurt non fosse descritto come un eroe e un mito, ma solo come un uomo.

Ho detto subito che non volevo della mitologia o del romanticismo intorno a Kurt. (…) Lui era più grande della vita. E la nostra cultura è ossessionata dai musicisti morti. Ci piace metterli su un piedistallo. Se Kurt fosse stato soltanto un altro ragazzo che ha abbandonato la sua famiglia nel modo più orribile possibile. . . Però non lo era. Ha ispirato le persone, che lo hanno messo su un piedistallo e lo hanno trasformato in San Kurt.  Dopo la sua morte è diventato ancora più grande di quanto non fosse da vivo. 

68 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views