31 Luglio 2014
12:52

Ecco i photobomb più divertenti fatti e subiti dai musicisti

Il photobomb è quella pratica che prevede di rovinare una foto in posa con facce buffe o semplicemente con la presenza. Succede a tutti almeno una volta nella vita e a questa pratica non si sottraggono neanche i musicisti.

Pochi giorni fa ha girato tantissimo il selfie di un ragazzino che vedeva sullo sfondo Paul McCartney e il miliardario Warren Buffet. Un photobomb involontario, insomma, ma nella storia ce ne sono alcuni indimenticabili. Se pensate che la pratica di disturbare una foto in posa facendo facce strane o semplicemente entrando nel campo della foto sia una cosa da fare alle feste tra amici, sappiate che non è così. Anche i vip si divertono a interrompere l'idillio tra fotografo e fotografato o sono vittime degli scherzi di colleghi o gente comune e finanche di pupazzi, come successo a Lady Gaga che ne subì uno storico da parte della Rana Kermit, storico personaggio dei Muppet. Un altro, più recente, è quello di Beyoncé a una fan, ma lì il dubbio che sia stato un selfie richiesto dalla ragazza rimane. Impossibile dimenticare quello di Chris Brown che passa dietro Rihanna rallentando per guardarle il sedere e, ovviamente, immortalato. Inquietante, invece, è quello di una Lady Gaga con viso a mo' di clown che da lontano fissa Katy Perry, durante un photocall degli Mtv VMA, e divertente quello di Ringo Star che fa un gran photobomb a Justin Bieber e Keisha ed è imperdibile la faccia schifata di Jay Z alle spalle del cantante di "Blurred Lines" Robin Thicke.

Ecco una raccolta di quelli più noti:

Ecco lo scherzo più divertente proveniente dal Giappone
Ecco lo scherzo più divertente proveniente dal Giappone
1.384 di QuattroRisate
Ecco i veri volti di 10 musicisti che siete abituati a vedere truccati (FOTO)
Ecco i veri volti di 10 musicisti che siete abituati a vedere truccati (FOTO)
10 musicisti senza il trucco da palco
10 musicisti senza il trucco da palco
40.394 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni