Bisogna fare sempre attenzione quando si grida alla fine delle danze per quanto riguarda il tormentone estivo o la hit estiva, che dir si voglia. Quando meno uno se l'aspetta, infatti, arriva un annuncio che ti fa dire: "Come ho fatto a non pensarci prima?". E così per il prossimo 17 luglio è stato annunciato "DeFuera", ovvero quello che si candida a diventare un altro dei pezzi che ascolteremo nei prossimi mesi. Qualcosa che chiamare tormentone ha senso fino a un certo punto, perché se da un lato è vero che ha alcune caratteristiche del classico latin dell'estate, dall'altra ha una complessità che rischia di allontanarlo un po' da qual gruppo di canzoni.

Dardust cambia nome

Sia per chi ci canta che per le sonorità. La canzone uscirà a firma DRD, che altri non è che Dario Faini, meglio conosciuto con il nome di Dardust, producer che negli ultimi anni ha firmato alcuni dei maggiori successi pop italiani (sì, compreso quella "Soldi" che ha conquistato il 2019). Dopo un po' di anni e in un momento in cui i nomi dei producer assume sempre più spazio, Faini ha scelto di differenziare i suoi vari progetti e così Dardust resta per il suo progetto neoclassico (spinto più sul versante elettronico e pop, come spiegò a Fanpage.it) mentre DRD è la tag che userà per i progetti smaccatamente legati alla musica leggera (e ha già usato per "Dorado", la canzone di Mahmood per cui ha curato la produzione).

Cos'è DeFuera

Si chiamerà DeFuera, appunto, il primo singolo con questa nuova firma, un esordio che DRD condividerà con tre voci d'eccezione, ovvero Ghali, Madame e Marracash, portando l'idea di tormentone sempre più in campi diversi dal pop, così come lo scorso anno fece in collaborazione con Charlie Charles, quando assieme a Mahmood, Sfera Ebbasta e Fabri Fibra firmò "Calipso". E anche questa volta si discosta, mescolando varie sonorità, da quelle più mediorientali a quelle caraibiche, immettendosi sempre in questo solco cangiante che è il pop contemporaneo. Un suono che si sta riscrivendo sempre di più in questi ultimi anni: "DeFuera è un brano che rispecchia la mia visione nella contaminazione del Pop del futuro – racconta DRD – Nella produzione troviamo la Wave Latin, il sapore esotico mediorientale, così come l’elettronica più pura che affonda le radici nella mia passione per i grandi gruppi dei 90’ come Daft Punk o Chemical Brothers".