Il Festival di Sanremo 2020 è ormai un ricordo lontano, un'oasi di musica, colpi di scena e commenti social che guardiamo con nostalgia in questi giorni durissimi alle prese con l'emergenza coronavirus. Eppure, per quanto possa sembrare incredibile, nelle ultime ore si è assistito a un clamoroso déja vu, con Morgan e Bugo che hanno ripreso a litigare (seppur a distanza) e un inatteso ritorno dello scontro più chiacchierato dell'ultimo anno fra i trend di Twitter.

L'attacco di Bugo

Il tutto è partito dai tweet di Bugo, che i questi ultimi giorni sta usando tantissimo il social newtork, sia per commenti sul coronavirus e inviti a restare a casa che per riflessioni più personali e ironiche. Bugo, che in risposta a chi lo accusa di non utilizzare la corretta punteggiatura spiega semplicemente di scrivere in uno "stream così veloce e mentale" simile al "flusso di coscienza" di James Joyce, ha pubblicato uno sfogo al veleno, contro un non precisato bersaglio: "una cosa di cui invece non mi stupisco più è l'idiozia di quelli che hanno le verdure nelle orecchie vite misere polli da social i primi a vendersi per due soldi cresciuti infami nani viziati corrotti senza un minimo di decenza zimbelli eterni del loro carnevale mentale TRASH". Poi, un altro tweet, stavolta rivolto a un obiettivo ben evidente:

un'altra cosa di cui non mi stupisco piu' e' la mia BELLEZZA eheh questo lo dico per far innervosire i polli che parlano a me di UMILTA' nani col monopattino figli di balconi decaduti

La replica di Morgan

È fin troppo chiaro il riferimento a Morgan, che nei giorni scorsi era stato filmato mentre girava in monopattino a Milano e cantava "Sincero" – ovviamente la versione modificata "Le brutte intenzioni, la maleducazione" – insieme agli abitanti isolati sui balconi dei condomini. Insomma, Bugo ha offerto il "la" per una nuova lite con l'amico/nemico, a meno di due mesi di distanza dalla storica rottura consumata sul palco dell'Ariston. Morgan, immancabilmente, non è rimasto in disparte e ha risposto per le rime, con parole durissime:

Bugo, io sono un nano alto 1,80 come la maggior parte delle persone al mondo.
Dalla tua altezza riuscirai mai ad imparare a suonare almeno uno strumento musicale o sono troppo piccoli per te?

Qui l'unico pollo è quello che non ha mica capito ancora perché la gente se lo ricorda. Non è per la sua innegabile bellezza e neanche per la sua incantevole visione musicale, tantomeno per la sua incompresa grandezza poetica, per quello purtroppo non se lo filerebbe ancora nessuno. Ma… le brutte intenzioni la maleducazione… quelle si che pagano…