113 CONDIVISIONI
10 Giugno 2014
09:41

Bud Spencer Blues Explosion: il “3” di una coppia perfetta

Il terzo album propriamente detto del duo capitolino corona alla grande un percorso in costante crescita. Difficile, in ambito italiano, imbattersi in un rock più rock di questo.
113 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La Torre di Babele

Che in casa Bud Spencer Blues Explosion si respiri almeno in parte aria nuova è dichiarato dalla copertina, molto diversa da quelle piuttosto spartane dei primi due album. Lo stiloso artwork ideato da Francesca Pignataro e Ilaria Magliocchetti Lombi sembra voler omaggiare le storiche realizzazioni dello studio Hipgnosis degli anni ‘70 e quelle successive del suo fondatore Storm Thorgerson, ma evidenzia un tocco spiritoso che smentisce eventuali accuse di seriosità o pretenziosità: a sovrastare il paesaggio desolato non è, come parrebbe, una piramide, bensì un… tramezzino. Una scelta coerente, quindi, con l'approccio di una band che al momento di scegliere come chiamarsi – si era all'inizio del 2007 – ha tirato fuori un piccolo capolavoro di (auto)ironia.

Disponibile dal 3 giugno in CD, download e vinile (seicento copie, la metà delle quali in edizione numerata e colorata), “BSB3” segna in effetti un turning point nella carriera del duo romano composto da Adriano Viterbini (chitarra, voce) e Cesare Petulicchio (batteria). Parlano chiaro l‘accordo con la 42 Records, etichetta che da sempre sa coniugare qualità e coolness, e la decisione di affidarsi a Giacomo Fiorenza – produttore tanto esperto quanto duttile – con l'intento di confezionare un disco che rispecchiasse appieno l'essenza di un ensemble la cui dimensione ideale è indubbiamente quella del concerto. Non che “Bud Spencer Blues Explosion” (2009) e “Do It” (2011) avessero offerto un'immagine inadeguata, ma le session veloci e l'ampio uso di sovraincisioni avevano portato a risultati non del tutto in linea – solo sul piano “filosofico”, si potrebbe dire: per quanto riguarda la resa, nulla da eccepire – con lo spirito di una musica che vuole essere quanto più possibile autentica. Ecco dunque la cura maniacale riservata, a monte, allo studio dei suoni, e una registrazione quasi “live” che ben si addice a un gruppo le cui radici affondano negli anni ‘60 e ‘70.

Dieci brani propriamente detti più una breve "reprise", per una durata totale che sfiora i quaranta minuti, “BSB3” è una prova di inequivocabile autorevolezza. La formula è come al solito quella di un blues-hard saturo ed energico che poggia su una scrittura brillante, su doti interpretative fuori dal comune e su testi in italiano mai banali cantati con piglio più o meno hendrixiano: nulla a che spartire, insomma, con quanto si ascolta nel circo pop tricolore, e un certificato di fedeltà a quel rock‘n’roll “duro e puro” che, però, evita di indossare i panni della retorica. Piace tutto, in questa sorta di versione aggiornata ai nostri tempi della Formula 3 di Alberto Radius: il gran bell‘equilibrio fra ruvidezza e melodie, le frequenti aperture solo strumentali, gli slanci filopsichedelici, la sanguigna irruenza della maggior parte delle tracce – il trittico iniziale con il singolo apripista “Duel”, accompagnato da un clip bello e controverso di Alex Infascelli, “Mama” ed “Hey Man” letteralmente stende – e l‘evocatività un po' torbida dei due episodi più pacati, ovvero “Camion” e “Troppo tardi”. Un altro vertice della scaletta è poi il nuovo singolo “Miracoli”, anch'esso “interpretato” in video da Infascelli in modo davvero poco convenzionale: un ibrido fra r'n'r e ballata dove con un pizzico di fantasia si potrebbe vedere un'evoluzione in chiave sulfurea/voodoo di “Jesahel”, hit datata 1972 dei Delirium del giovane Ivano Fossati. Un trionfo, allora? Non lo si può negare. Al tour, già in corso, il ruolo di “arma finale” per debellare residui scetticismi.

113 CONDIVISIONI
Federico Guglielmi si occupa professionalmente di rock (e dintorni) dal 1979, con una particolare attenzione alla musica italiana. In curriculum, fra le altre cose, articoli per alcune decine di riviste specializzate e non, la conduzione di molti programmi radiofonici delle varie reti RAI e più di una ventina di libri, fra i quali le biografie ufficiali di Litfiba e Carmen Consoli. È stato fondatore e direttore del mensile "Velvet" e del trimestrale "Mucchio Extra", nonché caposervizio musica del "Mucchio Selvaggio". Attualmente coordina la sezione musica di AudioReview, scrive per "Blow Up" e "Classic Rock", lavora come autore/conduttore a Radio Rai e ha un blog su Wordpress, L’ultima Thule.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La Torre di Babele
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni