Dario Brunori
in foto: Dario Brunori

Il movimento delle sardine continua a riempire le piazze di tutta Italia, espandendosi a macchia d'olio e continuando a crescere in termini di risonanza di giorno dopo giorno. Dopo essere partito dall'Emilia Romagna ha toccato diverse città dell'Italia, da Napoli, dove Piazza Dante si è riempita di circa 10mila persone, a Milano, dove è stato organizzato un raduno in piazza del Duomo, fino al raduno delle sardine a Cosenza, dove il 30 novembre è andata in scena una manifestazione spontanea dei cittadini in piazza Santa Teresa. Presente c'era anche Dario Brunori, il cantautore calabrese che ha deciso di farsi vedere tra i partecipanti alla manifestazione. "Sono venuto a guardare – riporta LaCnews24 – a partecipare e ad osservare. Un po’ come diceva Gaber: la libertà è partecipazione". Il cantante ci ha tenuto tuttavia a specificare: "Non faccio parte del movimento, ma mi sono ficcato in mezzo al branco perché legato ad un sistema di valori a cui mi sento molto vicino".

Dario Brunori non è il primo artista a mostrare adesione, o certamente curiosità, per il movimento spontaneo nato a Bologna, poche settimane fa, in contrapposizione alla campagna elettorale di Matteo Salvini nella regione storicamente rossa. Anche Ornella Vanoni, pochi giorni fa, aveva fatto sapere al movimento delle sardine milanesi che sarebbe stata al loro fianco, in piazza del Duomo, per sostenere l'iniziativa.

Migliaia le persone che si erano radunate a Bologna, in piazza Maggiore, per opporsi alla campagna elettorale dell'ex ministro degli Interni Matteo Salvini e la sua candidata in Emilia Romagna Lucia Bergonzoni. Un evento, quello delle sardine, nato da un semplice evento creato su Facebook su iniziativa spontanea di quattro ragazzi e con l'intenzione di far emergere una fetta consistente di popolazione che non è d'accordo con la vulgata di destra che racconta un'Italia arrabbiata e intollerante.