Anna Oxa e Franco Ciani si sono sposati nel 1980 quando erano appena ventenni. Dopo la separazione, la nota cantante si è fidanzata con il musicista della band New Trolls, Gianni Belleno, che le fu presentato proprio dal suo ex marito. Da Belleno, la Oxa ebbe due figli, e dal 1999 al 2008 si unì in matrimonio con altri due uomini: l’imprenditore albanese d’origine kosovara Behgjet Pacolli e la sua ex guardia del corpo Marco Sansonetti, di 22 anni più giovane.

Raggiunta dal giornalista musicale Mario Luzzatto Fegiz per Il Corriere della Sera, la cantante, che come specificato dal noto quotidiano "poi in serata ha fatto retromarcia", ha dichiarato di fare fatica a credere al suo suicidio: "Ho saputo che si è suicidato. Faccio fatica a credere a questo gesto, da parte di Ciani: sapeva molte cose, se fossi un familiare io approfondirei".

Il post di Anna Oxa su Facebook

Anna Oxa si è dissociata da quanto scritto dal Corsera attraverso un lungo post su facebook, nel quale ha spiegato le sue ragioni attraverso le parole della sua addetta stampa. Nel post in questione si legge:

La società Oxarte, trova indecente, come si possa sfruttare l'immagine ed il marchio registrato "Anna Oxa"… in altre occasioni, ma soprattutto in questo contesto. La signora Anna Oxa, non ha rilasciato nessuna intervista, da pubblicare, in questa occasione, non si sarebbe permessa di esporsi senza avere considerazione, per una persona che ha avuto una propria storia, per come, invece, sta facendo parte della Stampa. Franco Ciani ha vissuto decenni senza Anna Oxa, oggi viene utilizzato per parlare della storia di Anna Oxa? Il giornalista del corriere della sera ha fatto una cosa non corretta. Non ha nemmeno avvisato della bravata, nonostante, si fosse sentito al telefono, con me personalmente, stamattina! Informiamo la stampa, per l'ennesima volta, che la signora Oxa, non è stata sposata con Gianni Belleno. Documentatevi, prima di scrivere ciò che vi passa, per la mente. Un'altra informazione importante è quella che nessuno scrive il seguito, per quanto riguarda le edizioni di "Tutti i Brividi del mondo", che sono stati pagati a Franco Ciani (come risulta dalle sentenze), dalla signora Anna Oxa. Diritti SIAE, che facevano parte della società inver music, che successivamente il signor Sepe ha rubato (come risulta dalle sentenze della corte di appello, della sede penale, del tribunale di Milano), con la complicità della figlia, Federica Sepe. Ogni sei mesi, la Signora o Signorina Federica Sepe ed il signor Nando Sepe, incassano i diritti della SIAE, che spettano alla signora Oxa (si tratta di denaro che va a Sepe). Mi rivolgo alle redazioni della Stampa Giornalistica, se dovete scrivere, non omettete le cose di cronaca che avreste diritto di scrivere. I mariti della signora Oxa non sono fatti di cronaca, sono passati decenni e fate sempre lo stesso repertorio.
Abbiate rispetto per i familiari del Maestro Ciani. Informo che la signora Oxa non sta vivendo il lutto per come l'avete inteso nel Titolone ridicolo. Vi permettete di scrivere le cose che avete in testa che sono diverse dai fatti reali. Non avete rispetto delle persone… Per trasparenza: dire la verità non comporta reato ogni cosa è documentabile anche online. Manager Oxarte. Rosa Maria Milano

Le canzoni scritte per lei da Franco Ciani

Anna Oxa sembra avere molti dubbi rispetto alle cause della morte dell'ex marito Franco Ciani, che fu anche suo produttore e autore per circa dieci anni, fino ai primi anni '90. La cantante, che da tempo vive in Svizzera, deve a Franco Ciani la bellezza di tutto l'album È tutto un attimo e del brano omonimo, unitamente ad altri grandissimi successi degli anni ottanta, come Tutti i brividi del mondo, Ti lascerò (cantata con Fausto Leali, che le valse la vittoria al Festival di Sanremo 1989) e Quando nasce un amore (con la quale partecipò al Festival di Sanremo 1988).

Dopo la Oxa, Franco Ciani ha sposato una pornostar

Dopo il matrimonio con Anna Oxa, Franco Ciani ha sposato la ex pornostar Manuela Falorni, detta La Venere bianca nell'ambiente hardcore, della quale fu anche manager, e pare sia stato travolto dai debiti di gioco, come riporta il Corsera. La lettera lasciata all'impresario Nando Sepe conteneva le motivazioni del gesto estremo, che pare fossero legate a difficoltà economiche e al rifiuto di Sanremo di un suo brano scritto per l'ex cantante dei Matia Bazar, Roberta Faccani.