Addio ad Harold Prince, noto anche come "Hal", re indiscusso di Broadway. Produttore e regista teatrale americano, si è spento all'età di 91 anni. Al momento della morte, avvenuta il 31 luglio, si trovava a Reykjavík, in Islanda. Come riferito dal suo portavoce Rick Miramontez, Prince è deceduto a causa di una breve malattia, con sommo cordoglio per tutto il mondo del musical.

La carriera di Harold Prince

Prince era nato a New York il 30 gennaio 1928, aveva iniziato nell'epoca d'oro di Broadway, ai tempi di Cole Porter, Richard Rodgers e Oscar Hammerstein II. Il contributo di Prince fu fondamentale anche in epoche molto difficili, come quando il rock'n'roll rischiò di mettere in secondo piano gli spettacoli musicali. Fu estremamente prolifico, tanto che, a un certo punto nel 1960, tre spettacoli da lui prodotti apparivano contemporaneamente a Broadway. Tra i suoi musical più famosi, ricordiamo almeno "West Side Story", "Fiddler on the Roof", "A Funny Thing Happened on the Way to the Forum", "Follies", "Cabaret", "Evita", "Sweeney Todd" e "The Phantom of the Opera", lo spettacolo più lungo della storia di Broadway, fino all'ultimo "Prince of Broadway".

Il record di 21 Tony Awards

Prince nella sua carriera ha conquistato ben 21 Awards, il corrispettivo degli Oscar in ambito teatrale. Nessuno, fino ad ora, ha mai vinto tante volte questo premio. Ha collaborato, tra gli altri, con i coreografi Bob Fosse, Jerome Robbins, Michael Bennett e Susan Stroman, i designer Boris Aronson, Eugene Lee, Patricia Zipprodt e Florence Klotz e i compositori Leonard Bernstein, John Kander, Stephen Sondheim e Andrew Lloyd Webber. Ha anche diretto due film per il cinema, "Something for Everyone" e "Gigi" con Elizabeth Taylor. Nel 1962 aveva sposato Judy Chaplin, figlia del compositore Saul Chaplin.