Dua Lipa è solo l'ultima artista che collaborerà con TikTok per il suo prossimo video. Il social network cinese, must tra i giovanissimi e ormai uno degli strumenti nelle mani dei discografici per tentare di lanciare singoli e artisti, è senza dubbio strumento sempre più importante per cercare il contatto coi propri fan. Dua Lipa lo sa bene e tenterà un nuovo colpo, dopo che il suo "Future Nostalgia" è stato uno degli album "di peso" usciti durante il lockdown e con un paio di singoli tra i più ascoltati in streaming su Spotify. La cantante, infatti, tenterà un esperimento nuovo per il lancio del suo prossimo singolo "Levitating", tratto, appunto, dal suo ultimo lavoro.

Come partecipare al video di Dua Lipa

L'idea è quella di far partecipare i fan al prossimo video musicale per il singolo, e ovviamente lo farà tramite la piattaforma. L'hashtag per partecipare alla challenge è #DuaVideo e la competizione durerà una settimana. Ai fan sarà richiesto di condividere la propria creatività in vari modi, ballando, cantando e anche solo grazie al proprio look, in modo da poter diventare parte attiva del progetto. Si parte il 25 agosto e si termina il 31 e per partecipare sono tre gli ambiti richiesti: da una parte la danza, con i passi più belli che saranno eseguiti dai ballerini della cantante, l'animazione, ovvero uno dei core del social, con quelle scelte che saranno usate per far ballare anche tutti gli altri fan e infine il make up.

Musica e TikTok: i casi Jerusalema e Old Town Road

Quello scelto dalla cantante è un campo che negli ultimi anni ha pagato non poco, sia per consolidare una posizione predominante di alcune star sui social, sia per dare visibilità a progetti meno conosciuti, con risultati talvolta clamorosi, Due esempi su tutti sono quelli, per esempio, del country rap del rapper Lil Nas X "Old Town Road" diventato un vero e proprio caso mondiale, in grado di resistere per mesi in testa alla classifica dei singoli più venduti e ascoltati di Billboard o, per non andare troppo lontano, basti pensare a quanto sta avvenendo con "Jerusalema", la canzone del sudafricano Master KG che a mesi dall'uscita è diventato un fenomeno mondiale, nonostante sia cantato in un dialetto, il venda, parlato da solo un milione di persone.