120 CONDIVISIONI
4 Luglio 2014
13:33

Vasco Rossi: le 10 cose che non sai del Komandante

Il LIve Kom 014 continua e dopo le 3 date romane tocca alle 4 milanesi. Vasco continua a macinare date e decine di migliaia di fan che continuano ad adorarlo. Ecco perché abbiamo voluto mettere alla prova la vostra conoscenza del Komandante. Ecco 10 curiosità sulla vita del cantante.
120 CONDIVISIONI
Vasco-Rossi-concerto-1986
Vasco Rossi durante un concerto nel 1986

Stasera continua il tour di Vasco Rossi "Live Kom 014". Dopo le tre date sold out tenute a fine giugno all'Olimpico di Roma, questa sera Vasco comincia il primo dei 4 concerti (per la prima volta nella storia) al San Siro di Milano (gli altri si terranno il 5, 9 e 10 luglio). Che Vasco sia probabilmente il cantante più amato d'Italia è cosa nota, come è nota la devozione dei suoi fan, che lo seguono sempre e ovunque. Lo facevano negli anni '80 quando il Komandante era il ribelle della musica italiana e lo hanno fatto anche durante tutti i suoi cambiamenti. Nonostante l'atteggiamento di Vasco, oggi, sia meno ribelle, i testi continuano a parlare di cambiamenti e il suo pubblico lo adora anche quando mette in gioco la doppia cassa e cerca un suono più heavy (sulla sua svolta "metal", come hanno titolato molti, si sono scatenate un po' di polemiche).

Ma una carriera così lunga ha senza dubbio tantissimi risvolti forse meno conosciuti. Aspetti legati alla sua carriera, alla vita privata, agli album e alle canzoni che forse anche i fan più accaniti non conoscono. Abbiamo cercato di raccoglierne alcuni, anche grazie alla biografia scritta da Michele Monina, "Vasco. La biografia definitiva", uscita per Laurana Editore.

Ma voi lo sapevate che…

1) Alla faccia di chi lo incolpa di non saper cantare, Vasco a 13 anni ha vinto l'Usignolo d'oro.

2) "Quel tale che scrive sul giornale", che Vasco canta in "Vado al massimo" è il giornalista Nantas Salvalaggio che su Oggi lo criticò fortemente definendolo "un bell’ ebete, anzi un ebete piuttosto bruttino, malfermo sulle gambe, con gli occhiali fumè dello zombie, dell’alcolizzato, del drogato ‘fatto'".

3) "Anima Fragile" a differenza di quello che si potrebbe pensare non è dedicata a una ex ("E la vita continua anche senza di noi / che siamo lontani ormai/ da tutte quelle situazioni che ci univano/ da tutte quelle piccole emozioni che bastavano"), bensì al padre Carlino, morto il 31 ottobre del 1979.

4) Che fine fa il microfono dopo l'esibizione di Sanremo 1982 di "Vado al massimo"? Vasco prima se lo mette in tasca, poi lo fa cadere, visto che il filo era corto. In un'intervista a Mollica qualche anno dopo dice di essersi ispirato al cantante dei Rolling Stones Mick Jagger.

5) "Gli spari sopra" non è un brano originale di Vasco Rossi, ma una cover del brano "Celebrate" degli sconosciuti An Emotional Fish.

6) Nel video di "Gabri" c'è il primo nudo integrale femminile. Censurato, ovviamente.

7) Chi è Gabri? È Maria Gabriella Sturani, madre di Lorenzo, figlio che Vasco Rossi ha riconosciuto nel 2003 ("Adesso ascoltami, non voglio perderti, però non voglio neanche illuderti, quest'avventura è stata una follia, è stata colpa mia, tu hai sedici anni ed io… ed io").

8) Chi ha girato il video de "Gli angeli"? Il famoso videoclip è stato girato da uno dei maggiori registi contemporanei Roman Polański (autore tra gli altri di "Rosemary's Baby", "Chinatown", "La nona porta" e "Il pianista"), ed è anche il video più costoso della storia (600 mln).

9) "Tracks" (2002) è la raccolta più venduta della storia italiana.

10) Chi è l'ospite d'eccezione di "Gioca con me"? Slash, capelluto chitarrista dei Guns ‘n Roses.

120 CONDIVISIONI
Live Kom 014: Vasco Rossi conquista Roma con la
Live Kom 014: Vasco Rossi conquista Roma con la "svolta metal"
Vasco Rossi dice addio a Solieri: niente Live Kom 014 per il chitarrista
Vasco Rossi dice addio a Solieri: niente Live Kom 014 per il chitarrista
Sorpresa Vasco, il nuovo album si chiamerà
Sorpresa Vasco, il nuovo album si chiamerà "Sono innocente"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni