24 Giugno 2014
16:07

Vasco: “Io drogato? Sono sempre stato un tossico indipendente”

In vista della partenza del suo “Live Kom014”, il tour che lo vedrà esibirsi all’Olimpico di Roma e al San Siro di Milano per 7 date, Vasco Rossi rilascia un’intervista a Vanity Fair, che gli dedica la copertina, in cui parla del suo matrimonio, del tour e dell’effetto che gli fanno i commenti sul web.

Vasco Rossi, si sa, non rilascia molte interviste. Preferisce parlare direttamente coi suoi fan tramite la sua pagina Facebook, mantenendo con loro un filo diretto e regalando clippini, foto e anticipazioni di interviste. E a proposito di interviste, domani il Komandante sarà il protagonista della copertina di Vanity Fair – a tre anni dall'ultima quando era ancora in convalescenza -, in occasione della partenza del suo "Live Kom 014", il nuovo tour che lo vedrà impegnato il 25, 26 e 30 giugno all'Olimpico di Roma e il 4, 5, 9 e 10 luglio al San Siro di Milano per 7 date già tutte esaurite, che vedranno 400 mila persone impazzire per ascoltarlo. Sono passati 24 anni dalla prima volta che mise piede in uno stadio da protagonista: era il 1990 e lo stadio era, allora come oggi, il San Siro di Milano: "A quei tempi, gli stadi li facevano solo gli stranieri, noi italiani suonavamo nelle grandi discoteche o alle feste dell’Unità. Alla fine degli anni Ottanta ricordo che feci 15 mila persone a Reggio Emilia. Pensavo di aver raggiunto il massimo" ha raccontato il cantante al mensile, senza immaginare che oggi sarebbe stato il primo rocker d'Italia.

Oggi, però, Vasco è un uomo diverso, rispetto a quegli anni. È cresciuto, s'è calmato, ed è diventato più introspettivo, cosa che si avverte anche dai suoi testi ("Cam,bia-menti" ne è solo un esempio). Nel frattempo ha avuto anche il tempo di sposarsi con Laura Schmidt, matrimonio fatto "per metterla tranquilla, per motivi burocratici, perché bisogna far così. La fede non la porto, ma solo perché ho il terrore degli anelli", una paura che deriva da un racconto che gli fece il padre: "Mi disse che un tizio si era strappato un dito saltando giù da un camion perché l’anello era rimasto impigliato da qualche parte. Ma, comunque, la fede la porto sempre con me in una borsina, è il mio portafortuna". Mancano due giorni alla partenza del tour, quindi, e il cantante ha cominciato già a postare le foto del palco e i clippini che accompagneranno il suo pubblico fino al momento in cui salirà sul palco, che non sarà quello virtuale dei social, forte di più di 3 milioni di fan, un numero che gli permetterebbe di fondare un movimento. Proprio a questo proposito il giornalista gli chiede quale sarebbe il suo programma: "In Italia bisognerebbe cambiare praticamente tutto. Intanto la burocrazia: farraginosa, costosa e inefficiente" e poi la giustizia, con processi troppo lenti, mentre di Renzi dice: "Si muove bene, sa comunicare, ha portato in politica una generazione di giovani. Sono contento che stia cercando di dare una sterzata, anche se ho il dubbio che siamo al punto in cui la macchina va fuori strada comunque"; il problema, comunque, alla fine è che "la politica o la fai o stai zitto, perché è lo stesso che discutere di calcio davanti alla Tv: non serve a niente, visto che l’allenatore non siamo né io né lei. E poi meglio cambiar discorso sennò finisco nei guai. Già l’estrema sinistra mi odia" dice spiegando che è così perché non è un militante, ma "un artista libero e indipendente" e ricorda di quando venne a sapere che volevano contestarlo durante la sua partecipazione del 2009 al Concertone del Primo maggio a Roma, una contestazione di cui nessuno si accorse perché erano pochi, il "genere che su internet, siccome c’è l’anonimato, crede di poter scrivere quello che gli pare. Se uno mi incontra non è che mi dice: ‘Mi fai schifo, sei una merda, muori', però lo scrive".

Insulti che spesso si trova a leggere, come quando in uno dei commenti a uno dei suoi video su YouTube lesse "Spero che ti venga un ictus vecchio drogato di merda”, frase che lo turbò, almeno per una notte, poi se ne capacitò e rispose, tra sé, in maniera ironica: "Vecchio, be’, non posso certo dire di essere giovane. Drogato lo ero vent’anni fa, se lo ero, perché sono sempre stato un tossico indipendente, nel senso che l’eroina non l’ho mai toccata. Diciamo che ho fatto le mie esperienze, non me ne vanto, ma neanche me ne vergogno. Quanto all’ictus, anch’io spero che mi venga”.

Maurizio Solieri:
Maurizio Solieri: "Non è stato Vasco a non volermi più sul palco"
iFest a Roma con Lo Stato Sociale per la cultura e la musica indipendente
iFest a Roma con Lo Stato Sociale per la cultura e la musica indipendente
Vasco ai giornalisti:
Vasco ai giornalisti: "Io caduto? Macché: sempre in piedi come Rocky"
2.522 di Gaia Bozza
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni