12 Maggio 2021
13:28

Un viaggio nella carriera di Drake, premiato come artista del decennio da Billboard

Drake è stato appena nominato dalla Billboard Academy Awards come l’artista del decennio scorso, davanti solo alla coppia Taylor Swift e Bruno Mars. Il rapper canadese segue la vittoria negli anni 2000 di Eminem e negli anni 90′ di Mariah Carey, anche grazie al successo internazionale dei suoi sei progetti ufficiali, senza dimenticare i mixtape.
A cura di Vincenzo Nasto
Foto di: Rob Latour
Foto di: Rob Latour

È arrivato l'annuncio da parte dei Billboard Academy Awards su chi è stato l'artista che ha più segnato l'ultimo decennio con la sua musica. A essere premiato il prossimo 23 maggio durante i Music Awards sarà il rapper canadese Drake, classificatosi davanti a Taylor Swift e Bruno Mars, in una competizione che ha tenuto conto dei posizionamenti in classifica Billboard nell'ultimo decennio. Aubrey Graham, vero nome di Drake, potrebbe festeggiare il premio con novità in arrivo sul suo prossimo progetto musicale "Certified Lover Boy", un processo di pubblicazione già rinviato due volte tra l'estate del 2020 e lo scorso febbraio. La vittoria di Drake segue quella di Eminem, che era stato premiato nel decennio 2000-2010, e ancora prima quella di Mariah Carey, rappresentante degli anni 90.

L'esordio con Thank me later e il successo di Take Care

In molti non saranno stupiti dalla decisione della Billboard Academy Awards di premiare come artista del decennio il rapper canadese Drake, soprattutto dopo aver osservato la quantità di progetti pubblicati negli ultimi 10 anni. Dal suo album di debutto nel 2010 "Thank me later", la carriera musicale del 35enne canadese è decollata, anche grazie alla poliedricità raggiunta negli album successivi. Il processo iniziato con "Thank me later" sottolinea anche la visione lungimirante nella scelta delle collaborazioni da parte dell'artista canadese, che già nel primo episodio scelse di collaborare con artisti del calibro di Alicia Keys, Jay Z e il suo mentore Lil Wayne. L'anno successivo arriva "Take care", uno dei progetti più personali di Drake, in cui è possibile osservare la partecipazione di Rihanna nella title track, ma anche quella di un giovane Kendrick Lamar in "Buried Alive Interlude". Il progetto conteneva anche le voci di The Weeknd nel singolo "The Crew" e del duo Nicky Minaj – Lil Wayne, con la presenza special del frontman degli Outkast Andre 3000. Un successo assicurato che valse sei dischi di platino solo negli Stati Uniti al progetto, proponendo Drake come nuova superstar dell'hip hop internazionale.

Nothing was the same e il progetto con Future

Drake verrà premiato come artista del decennio per Billboard anche grazie ai record battuti nella classifica internazionale: dalle sei entrate alla numero 1 Hot 100, al record di settimane in top 10, 45, almeno fino a oggi. Come pubblicato da Billboard, a esser stato preso in considerazione, oltre all'apporto artistico durante l'ultimo decennio, è stato il numero di settimane passato nella classifica Hot 100, un numero che per adesso si mantiene solido oltre le 230. Un risultato raggiunto anche dopo l'esplosione internazionale nel 2013 con l'album "Nothing was the same", che contiene la hit internazionale "Started from the bottom", con cui il rapper canadese venne nominato ai Grammy come miglior album rap. Nel progetto figura anche il featuring con Jay Z "Pound Cake/Paris Morton 2", e la presenza di una giovanissima soul girl come Jhenè Aiko nel brano "From Time". È il momento dei mixtape, e tra il 2014 e il 2015, anticipando l'uscita di "Views" nel 2016, Drake pubblica "If You're Reading This It's Too Late", con tutti i singoli che rientrano nella top 100 Billboard, ma soprattutto il primo (per adesso) capitolo di "What a time to be alive", progetto in collaborazione con Future.

I record di Views e la sorpresa con More Life

L'uscita di "Views", trascinata anche dalla viralità del singolo "Hotline bling", viene salutato dalla critica con pesanti allusioni a un progetto troppo lungo, caratteristica che il canadese manterrà anche nei progetti successivi, ma il pubblico ha un'opinione totalmente diversa. A oggi "Views" è ancora uno degli album più premiati della carriera di Drake, a cui segue l'episodio di "More Life", mixtape del 2017. Il progetto, ancora oggi, risulta uno dei migliori mixtape hip hop pubblicato negli Stati Uniti, e in grado di raggiungere oltre due milioni di unità vendute oltreoceano. Definito dallo stesso Drake come una "playlist", sono forti le influenze della drill Uk, presente anche attraverso la partecipazione di Giggs, ma non solo: la collaborazione con Sampha in "4422" e Jorja Smith in "Get it together" fanno riecheggiare le sonorità soul del progetto. Impossibile dimenticare una delle hit dell'ep "Portland", un featuring che vede la collaborazione di Quavo dei Migos e Travis Scott, brano che oggi conta oltre 438 milioni di stream su Spotify. In attesa di "Certified Lover Boy", Drake negli ultimi anni ha pubblicato il suo album "Scorpion" dove spicca anche la collaborazione inedita con Michael Jackson in "Don't matter with me", ma anche i singoli "In my feeling" e "God's Plan", virali anche attraverso il loro utilizzo su piattaforme come Musically e TikTok. 10 anni di incredibili cambiamenti hanno toccato Drake, che adesso, anche di più prima, è atteso al varco per il suo prossimo progetto, dopo la pubblicazione lo scorso anno di "Dark Lame Demo Tapes", un lavoro che avrebbe dovuto anticipare, solo di qualche mese, il suo settimo album ufficiale. Siamo ancora in attesa del prossimo disco dell'artista del decennio.

Drake racconta la sua eredità musicale in "Scary Hours 2", prima di "Certified Lover Boy"
Drake racconta la sua eredità musicale in "Scary Hours 2", prima di "Certified Lover Boy"
"È una cosa straordinaria", Bruno Mars conquista cinque singoli di diamante: è il primo nella storia
"È una cosa straordinaria", Bruno Mars conquista cinque singoli di diamante: è il primo nella storia
Sophia Loren premiata con il Visionary Award dal Museo dell'Academy
Sophia Loren premiata con il Visionary Award dal Museo dell'Academy
Tale e quale show, Vincenzo De Lucia quarto giudice della seconda puntata: imiterà Maria De Filippi
Tale e quale show, Vincenzo De Lucia quarto giudice della seconda puntata: imiterà Maria De Filippi
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni