Si sa, quando i personaggi famosi rendono pubblici stralci della loro vita privata conquistano il cuore dei fan. Non poteva essere da meno per Ultimo che ha pubblicato una foto insieme a sua madre, mandando in visibilio tutti coloro che lo seguono e facendo il pieno di like e commenti.

Il rapporto di Ultimo con la madre

Semplicemente "Mamy", questo è quanto scritto dal cantante accanto alla foto, con la quale ha voluto condividere un momento di felicità vissuto insieme, abbracciati e sorridenti. Che Ultimo abbia una rapporto davvero speciale con la madre non è una novità, infatti una delle sue canzoni più famose, "La stazione dei ricordi", che si trova nell'album "Colpa delle favole", è dedicata proprio alla sua mamma. Con questo brano ha concluso il concerto tenutosi esattamente un anno fa, all'Olimpico, che ha battuto ogni record del cantante decretandolo come uno dei più amati dal pubblico italiano. Una canzone che parla di perdono, di rimpianti e sofferenza per una vita complicata, piena di difficoltà e malesseri da dover elaborare: "Mamma ti ho deluso tante volte, ma non è vittimismo, maledico il giorno in cui non mi hai più visto. I professori che ti urlavano suo figlio è marcio dentro, ma che ne sanno loro, che ne sanno tutti" questi alcuni versi del brano che su Youtube supera i tre milioni di visualizzazioni, che descrivono il rapporto tra madre e figlio.

mamy 💝

A post shared by Ultimo (@ultimopeterpan) on

L'annuncio del nuovo tour

Intanto proprio qualche giorno fa il cantante ha annunciato che saranno presto rese note le date del prossimo tour, previste per il prossimo anno, quando finalmente il cantante potrà tornare a cantare sul palco, sostenuto dall'affetto dei suoi fan. Su Instagram, infatti, scrive:

Domani saranno annunciate le nuove date negli stadi del 2021.
Spero con tutto me stesso che il tempo che ci separa passi il più in fretta possibile. Non solo per me ma per tutti coloro che lavorano con la musica e per tutti voi, che avete bisogno di musica quanto noi che stiamo sul palco.
L’amore che provo per voi che mi sostenete è la ragione principale per cui spero di tornare al più presto dal vivo. Voi che siete lì sotto e scegliete di urlare con me quelle sensazioni che spesso sbagliando teniamo dentro! Un concerto è come una seduta dallo psicologo, ma senza entrare in punta dei piedi nel suo ufficio sperando che il paziente prima non ci veda, magari riconoscendoci (come se andare dallo psicologo fosse una vergogna…chissà perché). Insomma un concerto è spogliare se stessi senza paura di essere “scoperti”. La nostra forza è stata e sarà sempre il nostro patto d’amore, iniziato 3 anni fa e che non finirà mai. Torneremo.