19 Febbraio 2020
16:04

Ucciso il rapper Pop Smoke: il cantante di 20 anni colpito durante una rapina

Il rapper Pop Smoke , di soli 20 anni, è stato ucciso a seguito di una rapina in una casa di Los Angeles. Lo scrive TMZ, che spiega come il rapper era in casa quando due uomini armati sono entrati nella proprietà sparando più colpii d’arma da fuoco, colpendo il cantante che è stato dichiarato morto dopo essere stato trasportato in ospedale.
A cura di Redazione Music

Il rapper Pop Smoke , di soli 20 anni, è stato ucciso a seguito di una rapina in una casa di Los Angeles. Lo scrive TMZ, che spiega come il rapper era in casa quando due uomini armati sono entrati nella proprietà sparando più colpi d'arma da fuoco, colpendo il cantante che è stato dichiarato morto dopo essere stato trasportato in ospedale. Pare che la casa fosse una delle proprietà di Eddie Arroyave, marito di Teddi Mellencamp, protagonista della versione americana di Real Housewives e che fosse stata presa in affitto dal rapper. Tmz scrive che Bashar Barakah Jackson, vero nome del rapper americano in ascesa è stato ucciso in quella che pare essere, stando agli investigatori, un furto con scasso: il rapper era a casa alle 4.30 del mattino quando "due uomini che vestivano felpe con cappuccio e maschere sono entrati in casa. I due uomini hanno esploso vari colpi d'arma da fuoco, colpendo e ferendo Pop Smoke, prima di fuggire a piedi". Nonostante la corspa in ospedale il rapper è stato dichiarato morto al Cedars-Sinai Medical Center.

Il riferimento di Nicki Minaj alla gelosia

Stando a quanto si sa, i due possibili assassini non sono stati ancora catturati e neanche identificati, per adesso, anche se un uomo era stato arrestato, ma successivamente rilasciato perché non coinvolto nello scontro. Non è ancora chiaro, continua il sito americano, se Pop Smoke conoscesse i due uomini. Un messaggio criptico è quello che ha scritto Nicki Minaj che aveva remixato un brano del cantante. La rapper, infatti, ha legato questo omicidio a una questione di gelosia: "La Bibbia ci dice che la gelosia è crudele quanto la tomba. Incredibile. Riposa in pace, Pop" ha scritto su Instagram, citando il Cantico dei Cantici attribuito al Re Salomone.

Il successo con "Welcome to the party"

Pop Smoke era uno dei rapper in ascesa nel mondo americano, soprattutto grazie alla canzone "Welcome to the party", uscito lo scorso maggio e contenuta nel primo remix "Meet the Woo". Della canzone ne era stato fatto un remix proprio da Nicki Minaj, mentre per la Gran Bretagna ci aveva pensato Skepta a rivisitarlo. Pop Smoke aveva collaborato anche con Travis Scott per la canzone "Gatti". Lo scorso 7 febbraio il rapper aveva pubblicato il secondo mixtape "Meet the Woo 2". E quest'album avrebbe permesso a Pop Smoke di godere per la prima volta della top 10 nella Billboard 200, ovvero la classifica degli album americana, esordendo alla posizione numero 7. Un risultato che migliorava di molto quello che aveva fatto con il primo mixtape che aveva esordito in 173a posizione.

Gli ultimi post di Pop Smoke su Instagram

Sono ancora visibili le ultime storie che il cantante aveva condiviso su Instagram, tratte proprio da quella che sembra essere la sua casa di Beverly Hills. Il rapper, infatti, si mostrava a torso nudo dalla piscina della casa geolocalizzata proprio a Beverly Hills, mentre in un'altra storia si riprendeva assieme a un amico che gli aggiustava i capelli.

Morte di Pop Smoke, il rapper non è stato ucciso durante una rapina: "È stata un'esecuzione"
Morte di Pop Smoke, il rapper non è stato ucciso durante una rapina: "È stata un'esecuzione"
È stata vandalizzata la tomba di Pop Smoke a New York: tentavano di estrarre i suoi resti
È stata vandalizzata la tomba di Pop Smoke a New York: tentavano di estrarre i suoi resti
Morte di Pop Smoke: il cordoglio del mondo del rap, da Nicki Minaj a Drake e 50 Cent
Morte di Pop Smoke: il cordoglio del mondo del rap, da Nicki Minaj a Drake e 50 Cent
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni