Tony Bennett (Dave Kotinsky/Getty Images 8th Annual Exploring The Arts Gala)
in foto: Tony Bennett (Dave Kotinsky/Getty Images 8th Annual Exploring The Arts Gala)

Tony Bennett ha il morbo di Alzehimer, come ha dichiarato lui stesso in un articolo apparso sulla rivista AARP, American Association of Retired People, il magazine che si concentra sui problemi dell'invecchiamento: "La vita è un dono, anche con l'Alzheimer. Grazie a Susan e alla mia famiglia per il loro sostegno, e ad AARP" ha scritto sui suoi social accompagnando il link all'articolo pubblicato. Il cantante, una delle stelle della musica mondiale, ha 94 anni e l'Alzheimer gli è stato diagnosticato nel 2016, un anno dopo l'uscita di uno dei suoi album più di successi di questi ultimi anni, ovvero "Cheek to Cheek" in cui duettava con Lady Gaga e con cui, successivamente, è andato in tour.

Il giornalista John Colapinto ha raccontato che entrando in casa del cantante lo ha trovato seduto al tavolino di fronte alla finestra leggendo un libro e solo quando la moglie Susan gli ha poggiato la mano sulla spalla si è ridestato dal torpore: "Bennett, a cui la malattia è stata diagnosticata per la prima volta nel 2016, è stato finora risparmiato dal disorientamento che può spingere i pazienti a vagare in casa, o il sopraggiungere di episodi di terrore, rabbia o depressione che possono accompagnare il distacco spaventoso dell'Alzheimer dalla realtà; e, in effetti, potrebbe non sviluppare mai questi sintomi. Ma non c'erano dubbi che la malattia fosse progredita. Anche i suoi sempre più rari momenti di lucidità e consapevolezza rivelano le profondità della sua debolezza. A un certo punto, mentre io e Susan stavamo chiacchierando, lui ha alzato improvvisamente lo sguardo dal libro che aveva in grembo e, sfoggiando quel sorriso familiare, mi chiese con il suo sussurro sommesso e citato: ‘Com'è il tempo fuori?'. Se non avessi saputo che lui e Susan erano appena tornati da una passeggiata con il cane nel parco, forse non avrei sospettato che qualcosa non andasse".

La moglie ha spiegato che nonostante la malattia e l'età Bennett riesce ancora a riconoscere i familiari anche se a volte non ha ben presente il posto in cui si trova o le persone che sono con lui e a volte chiede dell'Alzheimer spiegando che nonostante tutto lui si sente bene. Il neurologo che lo segue e gli ha diagnosticato la malattia ha spiegato che nonostante abbia alcuni problemi cognitivi. "molte altre aree del suo cervello sono ancora resilienti e funzionano bene. Fa così tante cose, a 94 anni, che molte persone senza demenza non possono fare. È davvero il simbolo della speranza per qualcuno con un disturbo cognitivo ".

Il successo incredibile di Cheek to Cheek ha portato lui e Lady Gaga a provare a bissare quell'album, ma l'avanzare della malattia ha reso il percorso lungo e articolato, dal momento che Bennett stava mostrando segni di peggioramento. Nei filmati in cui si vede il dietro le quinte della realizzazione del progetto, scrive AARP, si vede come Lady Gaga si rivolga a Bennett con frasi brevi e dirette, come suggerito dai medici, e le risposte del cantante sono spesso monosillabiche. Uno dei problemi che i due cantanti avrebbero, quindi, dovuto affrontare sarebbero state le interviste promozionale: "Questo ha lasciato i responsabili della vita e della carriera di Tony – principalmente Danny e Susan – in imbarazzo. Desiderosi che il maggior numero di orecchie possibile ascoltare e godersi quello che potrebbe benissimo essere l'ultimo disco di Tony Bennett, hanno deciso congiuntamente di rompere il silenzio sulla sua condizione, una decisione che hanno dovuto, necessariamente, prendere senza il contributo di Tony, dal momento che lui è, ha detto Susan, incapace di comprendere la malattia, per non parlare di prendere decisioni importanti sull'opportunità di rivelarla pubblicamente".