238 CONDIVISIONI
7 Gennaio 2015
09:51

Toni Servillo ricorda Pino Daniele a teatro: “Gli dobbiamo molto”

Dal palco del Teatro Bellini di Napoli, alla conclusione della messa in scena “Le voci di dentro”, Servillo interrompe gli applausi del pubblico per ringraziare Pino Daniele dell’influenza che la musica del cantante ha avuto sulla sua formazione, umana ed artistica.
A cura di Andrea Parrella
238 CONDIVISIONI

Alla girandola di omaggi e saluti a Pino Daniele da parte di esponenti del mondo dell'arte e dello spettacolo che da due giorni imperversano in tv e sul web, si aggiunge anche un personaggio che mai come in questo momento è simbolo assoluto della cultura napoletana, in Italia e all'estero, ovvero Toni Servillo. L'attore e regista teatrale si trova in questi giorni in tournée a Napoli con il suo spettacolo "Le voci di dentro", tratto dalla drammaturgia eduardiana, proposto poche settimane fa in diretta televisiva su Rai1, con la regia di Paolo Sorrentino, in occasione dei trent'anni trascorsi dalla morte di Eduardo De Filippo.

Sul concludersi della rappresentazione andata in scena al Teatro Bellini, dopo numerosi curtain calls della compagnia, Toni Servillo ha chiesto al pubblico che applaudiva un attimo di silenzio per pronunciare poche ma significative parole, con le quali ha riconosciuto all'artista scomparso da pochi giorni un enorme merito culturale, ovvero aver prodotto una rivoluzione musicale che ha contribuito molto al suo personale approccio alla lingua napoletana e ai principali autori del passato che ne hanno caratterizzato la tradizione nel corso dei decenni. Un ringraziamento sentito e affettuoso ma allo stesso tempo breve e rigoroso, com'è nello stile di Servillo.

D'altronde i due appartengono in linea di massima alla stessa generazione e, probabilmente, non sono stati troppo diversi gli ambienti culturali frequentati in gioventù e gli anni della formazione, vista l'estrazione culturale di entrambi, naturalmente al netto dei due ambiti differenti di studio. Toni Servillo è un classe '59 che sicuramente avrà vissuto da vicino gli anni dell'improvvisa esplosione dello stile musicale dettato da Pino Daniele, quella commistione di generi tradizionali della sua terra con il blues americano e l'intreccio linguistico di italiano, napoletano ed inglese.

238 CONDIVISIONI
Toni Servillo:
Toni Servillo: "Eduardo è il nostro Molière"
44.474 di Cultura Fanpage
Pino Daniele, il ricordo di Jovanotti:
Pino Daniele, il ricordo di Jovanotti: "Con lui parlavo il napoletano anch'io"
Ligabue ricorda Pino Daniele:
Ligabue ricorda Pino Daniele: "Quella volta che suonammo insieme..."
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni