Thom Yorke (Photo credit KAMIL KRZACZYNSKI/AFP/Getty Images)
in foto: Thom Yorke (Photo credit KAMIL KRZACZYNSKI/AFP/Getty Images)

Thom Yorke è in tour in Italia, il cantante dei Radiohead sta girando il nostro Paese per presentare il suo nuovo "Anima", il suo nuovo album solista uscito lo scorso 27 giugno e lanciato da un cortometraggio con lo stesso titolo realizzato da Paul Thomas Anderson, regista di capolavori come "Magnolia", "Il petroliere", "Vizio di forma" e l'ultimo "Il filo nascosto", ma che nel 2016 aveva collaborato con la band inglese, girando tre video tratti da "A Moon Shaped Moon", ultimo lavoro del gruppo: "Daydreaming", "Present Tense", "The Numbers". Nel cortometraggio firmato dal regista pluricandidato agli Oscar contiene tre pezzi tratti da quest'album che il New Yorker ha definito "il migliore di Thom Yorke da solista".

Tutte le date italiane

I fan, però, dovranno aspettare il 19 luglio per poter acquistare l'album in formato fisico, in cd o vinile. Il pubblico italiano, insomma, potrà, riuscendo, anche farselo autografare, dal momento che proprio in questi giorni il cantante è in Italia, dopo l'esordio a barolo, nell'ambito della rassegna Collisioni e dopo la data di Codroipo (UD) a Villa Manin. Restano ancora tre date per vedere il cantante dal vivo: il 18, infatti, sarà protagonista a Piazza Castello a Ferrara per Ferrara sotto le stelle, il 20 all'Arena Santa Giuliana di Perugia quando si esibirà nell'ambito dell'Umbria Jazz Festival e infine Yorke sarà protagonista alla Cavea Auditorium Parco della Musica per il Roma Summer Fest.

Perché l'album si chiama Anima

In un'intervista a Zane Lowe per la trasmissione Beats 1 di Apple Music, il cantante ha spiegato che il titolo è Anima "in parte perché sono ossessionato con tutto questo sogno, ma anche perché abbiamo cominciato ad emulare ciò che i nostri device dicono di noi, emulare il modo in cui ci comportiamo in base a loro (…). Le conseguenze di ciò che facciamo, ormai, non sono reali, possiamo rimanere anonimi, mandiamo i nostri avatar a vomitare abusi e veleno e poi torniamo anonimi".