E alla fine, dopo il carcere, Tekashi 6ix9ine riesce anche a prendersi per la prima volta la testa della classifica dei singoli di Billboard con l'ultimo singolo "Trollz". Il singolo vede anche la collaborazione di Nicki Minaj che con questa collaborazione guadagna, invece, il secondo numero uno per quanto riguarda i suoi numeri. La canzone, pubblicata il 12 giugno, ha raggiunto la prima posizione nella Digital Song Sales nella settimana successiva e la numero 3 in quella streaming con 36 milioni di stream solo negli Usa a cui si aggiungono 1.2 milioni di passaggi radio. Il rapper americano era andato vicino alla prima posizione con il singolo precedente "Gooba" che debuttò in terza posizione, scatenando una polemica tra lui e Billboard che cura le classifiche e dando il via a una faida online con Justin Bieber e Ariana Grande, che esordirono in testa.

Il dissing alle piattaforme di streaming

#1 ON @billboard YOU CANT STOP ME. YOU CANT BLACKBALL ME. DIDNT I TELL YOU!!!!!!!!!!!!! NO RADIOOOOOOOOO (ZERO) @applemusic @spotify @thelarryjackson @carlchery DIDNT GIVE US ANY MAJOR PLAYLISTING on Spotify and Apple 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣 THEY TIRED SO HARD PUSHING SOMEONE ELSES SONG 🤣🤣 LET THE WORLD KNOW WHAT YA DID !!!! YOU CANT BLACKBALL MEEEEEE IM TO BIG OF A STARRRRRRRRRRRR … OH ANNDDDDDDD ALL THE FANBASES THAT TEAMED UP TO PREVENT THIS NUMBER ONE I SAW THAT TOOOOO 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣DEBUT NUMBER 1 WITH NONE OF YOU! HATERSSSS WATCH THIS 1 MILIION TIMES HATER HATER 🤣🤣🤣 YOU CAN SAY WHAT EVER IM NUMBER 1 AND YOU CANT TAKE THAT FROM ME I WENT UP AGAINST THE MUSIC INDUSTRY AND WON!!!!!!!!! @nickiminaj WE ARE THE FUCKING MONSTERS OF THIS SHIT I LOVE YOU MOMMAZZZ

A post shared by TROLLZ (@6ix9ine) on

Questa volta il cantante può mettere nel curriculum questo primo posto, riuscendo comunque a far polemica su Instagram: "N.1 di Billboard, non potete fermarmi" ha scritto il rapper prendendosela con le radio e con vari servizi streaming rei di non averlo supportato abbastanza, inserendolo, ad esempio nelle principali playlist, quelle che senza dubbio danno grande spinta all'ascolto dei singoli e permettono di scalare le classifiche: "Non ci hanno dato le principali playlist si Spotify e Apple, hanno spinto altre canzoni, ma fate sapere al mondo che ce l'abbiamo fatta (…) Sono una grande star" ha scritto in caps lock sul suo Instagram Tekashi.

TROLLZ Tekashi fa ancora riferimenti alla galera

Nella canzone si fa ancora riferimento ai fatti dei mesi scorsi, quando Tekashi, dopo essere stato arrestato ha visto ridursi drasticamente la pena grazie alla collaborazione con le autorità. Il rapper, infatti, ha spiegato come funzionava la gang di cui faceva parte e per cui ha commesso svariati reati, ha fatto anche alcuni nomi, cosa che gli ha permesso di ottenere uno sconto di pena. Pochi mesi fa, poi, a causa del rischio Covid-19 è stato carcerato in quanto soggetto asmatico, con l'obbligo di scontare gli ultimi mesi di carcere ai domiciliari. Appena uscito, però, ha continuato i dissing, specie con chi lo accusa di essere uno spione: "So che non ti piaccio, che vuoi combattermi – rappa contro Meek Mill, ex compagno anche di Nicki Minaj -, se non vuoi problemi alla tua festa non invitarmi, non mi importa di te, quindi smettila di parlare di me". "TROLLZ" conta il maggior numero di vendite da un anno a questa parte, da quando, cioè, uscì "Me!" di Taylor Swift