‘Chi sarà il prossimo?' si chiede Stromae nel nuovo singolo di cui è da poco uscito il video. Il cantautore belga torna e lo fa con un pezzo che continua a parlare dle mondo che lo circonda e un testo impegnato. Ci ha abituato a trattare temi sociali senza mai perdere ironia e ritmo, formula magica per far sì che i suoi messaggi possano arrivare anche a un pubblico che forse sapendo il tema del pezzo sarebbe restìo a stare là a sentirlo. Lo fece con ‘Alors on danse', secondo singolo del suo album d'esordio e fenomeno dance prima francese e poi mondiale, con il ballo utilizzato per fuggire ai problemi del protagonista del pezzo e successivamente è diventata una delle caratteristiche del ‘Maestro', che ha continuato anche in ‘Racine Carrée', il secondo album che ne ha confermato l'importanza nel mondo musicale europeo.

Il significato di ‘quand c'est'

In questo nuovo pezzo ‘quand c'est' Stromae affronta il tema del cancro, con un video in bianco e nero che vede il cantante protagonista. Questo quinto singolo, che segue ‘Carmen', pezzo che criticava fortemente il sistema dei social network, quindi parla di quello che è, oggi, una delle malattie più pericolose che, come sottolinea il cantante non guarda in faccia a nessuno, né adulti né bambini. Già il nome è un gioco di parole, come spesso ci ha abituato il cantante (che dietro ‘Papaoutai' che poteva nascondere una parola inventata nascondeva l'espressione ‘Papa où t'es', ovvero ‘Papà dove sei?'): ‘quand c'est', infatti, suona come ‘cancer', ovvero ‘cancro' in francese. Il testo comincia con una frase autobiografica

Ma certo, ci conosciamo bene
Hai anche voluto colpire mia madre
hai cominciato dai suoi seni
e poi dal polmone di mio padre

Ma oltre ai genitori, quindi gli adulti, il male non si ferma neanche davanti ai bambini

E ami i bambini
insomma, non ti ferma nulla

Stromae alla conquista dell'America

Il video è sottolineato in inglese e non è un caso. In questo momento, infatti, il cantante belga è in tour negli States, dove suonerà anche a Madison Square Garden, per cercare di far breccia anche là. Un primo passo lo fece con il suo primo singolo mondiale, quell"Alors on danse' che fu remixato anche da Kanye West, mentre oggi confida anche nell'aiuto di Pitchfork e della sua autoironia che lo ha portato a fare un video in cui si presenta al pubblico americano, giocando sugli stereotipi americani e spiegando come ‘costruire' la sua ‘Papaoutai'.