12 Maggio 2016
12:25

Stash dei Kolors: ‘Suonare davanti a 2 persone mi ha aiutato a stare coi piedi per terra’

Stash e i The Kolors sono pronti a gettarsi nuovamente nei live: il 13 parte con la data zero di Nonantola il minitour che li porterà a Milano e Roma. Una dimensione, dal vivo, che a cui Stash tiene particolarmente, come ha spiegato ai microfoni di Fanpage.it.

Partirà il 13 maggio dal Vox Club di Nonantola (Mo), il nuovo mini tour dei The Kolors che li vedrà impegnati il 16 maggio all'Alcatraz di Milano e il 23 maggio all'Atlantico di Roma. Un ritorno live dopo qualche mese di riposo, seguito a un anno incredibile per la band guidata da Stash che nel 2015 ha vinto l'edizione di Amici di Maria De Filippi, conquistando le classifiche di vendita con il secondo album ‘Out', e il pubblico con una serie di live sold out. La band campana, quindi, torna live, la dimensione che Stash trova più vicina a sé, quella che, ha detto, gli permette anche ora che suona davanti a migliaia di persone di restare coi piedi per terra. I fan, intanto, sono in attesa del nuovo album, che potrebbe essere messo nelle mani del produttore Mark ‘Spike' Stent, già al lavoro con artisti del calibro di U2, Madonna, Beyoncé, Bjork, Lady Gaga e tanti altri: ‘Stiamo aspettando una risposta definitiva' dice Stash che spiega anche che non proverà le nuove canzoni sul palco, per colpa dei cellulari: ‘Rovinerebbero la sorpresa a chi comprerà il disco più avanti'. Intanto la band è stata nominata agli agli MTV Awards – dove si esibiscono il 19 giugno a Firenze – come Best Italian band e Best Look.

L'importanza dei live per i The Kolors

‘Questi concerti sono da considerare la materializzazione del nostro desiderio di suonare live – dice Stash ai microfoni di Fanpage.it -, ovvero da dove veniamo, un percorso che ci ha costruiti. Puoi vedere tanto in tv e sentire tanto alla radio, ma la band si vede live'.

Nessun pezzo nuovo

Purtroppo per i fan la band non darà alcun antipasto del nuovo lavoro. È una scelta pensata per evitare che possano girare pezzi non finiti e prodotti come si deve: ‘Nessun pezzo del nuovo live, è stata una scelta mia, se no i cellulari rovinerebbero la sorpresa a chi comprerà il disco più avanti, con le produzioni che saranno curate in maniera più minuziosa'.

‘Non sono cambiato'

Il successo, le migliaia di copie vendute e di persone ai concerti, dice Stash, non l'hanno cambiato e il motivo sono le basi solide che si è costruito quando a vederlo erano in due: ‘È cambiato tanto il contorno della persona ma la persona non la cambierò mai. Ho fatto troppi concerti davanti a due persone per non dare il valore giusto ai concerti con 4 mila persone. Ed è quello che ti aiuta a non staccare i piedi da terra'.

Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni