26 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Sanremo 2010: Gianmarco Mazzi è contro il televoto.

Dopo che il Codacons ha sequestrato i dati del televoto, il direttore artistico Gianmarco Mazzi si fa sentire e afferma di essere sempre stato contrario al televoto.
A cura di Antonella
26 CONDIVISIONI

L’ultima serata del Festival di Sanremo ha avuto ben 12 milioni di telespettatori con uno share del 53.21%. Il picco di share c’è stato quando è salito sul palco il vincitore di questa edizione Valerio Scanu, che ha portato lo share al 77.34%.

Anche se questo Festival è stato il Festival da record di spettatori, è stato anche il Festival delle critiche o meglio dello “scontento” come è stato definito in queste ultime ore.

Infatti, dopo che il Codacons ha richiesto il sequestro di tutti i dati del televoto di ieri sera che ha determinato i tre finalisti della gara, il direttore artistico Ganmarco Mazzi si fa sentire e afferma:

Sono molto contrario al televoto, l'ho sempre detto. È in apparenza il sistema più democratico e giusto ma nella realtà non lo è. Favorisce determinati artisti che appartengono a determinate zone di Italia.

Quest'anno è stata anche diminuita la presenza del televoto. Penso anche che il giudizio che viene espresso a fine manifestazione, la classifica ufficiale, conti fino a un certo punto e gli ultimi anni lo hanno dimostrato. Il giudizio vero per loro deve ancora cominciare.

Chi verrà dovrà fare modifiche. Si dovrà lavorare a un sistema nuovo. Già quest'anno ci avevo lavorato un po'. Quest'anno il peso maggiore dell'orchestra era a difesa degli artisti.

Non ho apprezzato l'atteggiamento dell'orchestra. I musicisti devono essere dei professionisti. Ieri non mi sono piaciuti. Anche se lo ho interpretato come un atteggiamento protettivo nei confronti di Malika e mi auguro sia così.

Antonella Pitaniello

sanremo 2010 logo
26 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views