Riparte il processo per abusi sessuali contro le società di Michael Jackson

Wade Robson e James Safechuck, i due storici accusatori di Michael Jackson, fanno causa alle società dell’artista. La difesa: “Non avevamo il potere di gestire il suo comportamento”.

Wade Robson e James Safechuck ci riprovano. I due, 40 e 45 anni, storici accusatori di Michael Jackson hanno fatto partire una nuova causa contro le due società del "Re del Pop", la MJJ Productions e la MJJ Ventures, perché ritenute da loro complici degli abusi sessuali che sarebbero stati perpetrati dal cantante di "Beat It" e "Thriller". A riportarlo è il New York Times. La difesa: "Le società non avevano il potere di gestire il comportamento dell'artista". 

Dal documentario Leaving Neverland al nuovo processo

Wade Robson e James Safechuck
Wade Robson e James Safechuck

Wade Robson e James Safechuck sono stati i protagonisti del documentario HBO "Leaving Neverland", il discusso progetto diretto da Dan Reed tutto orientato a dimostrare la colpevolezza di Michael Jackson. Adesso, i due hanno ottenuto l'approvazione da parte della Corte d'Appello della California a trascinare in tribunale le due società della star perché possono essere ritenute responsabili di un favoreggiamento, ribaltando quindi la sentenza del primo processo. I due avevano già provato a trascinare le società di MJ in tribunale nel 2013 e nel 2014 (Michael Jackson è morto nel 2009), ma i fatti erano andati in prescrizione. Dopo la firma di una nuova legge del 2020, a opera del nuovo Governatore della California, Gavin Newsom, la prescrizione per accuse di abuso sessuale è stata estesa. La causa è stata nuovamente respointa nel 2021, ma adesso tre giudici della corte d'appello hanno stabilito l'idoneità di portare in giudizio le due società.

I nuovi documenti contro le società di MJ

James Safechuck sostiene di essere stato abusato da Michael Jackson in una stanza d'albergo a Parigi nel 1988, quando aveva solo 10 anni. Nelle documentazioni citate dal New York Times si legge che Michael Jackson disse a Safechuck "che avrebbe cambiato la sua vita mostrandogli come masturbarsi". Si legge ancora: "Jackson cominciò a fargli vedere come si fa e poi fece provare a Safechuck". La deposizione prosegue: "Dal 1988 al 1992, Jackson ha abusato del querelante centinaia di volte in varie località. Jackson ha ‘sposato' il querelante con un anello e un documento firmato per fingere che si fossero sposati. Lo ha anche istruito a scambiare ‘dichiarazioni d'amore' con lui. Avevano sviluppato un legame emotivo molto forte". Tra le testimonianze, anche uno dei manager del personale di Neverland che sostiene di aver assistito a numerosi episodi sospetti, oltre ai pettegolezzi che giravano tra tutto il personale di Neverland. La difesa sostiene che le due società appartenenti a Michael Jackson non avevano l'autorità per supervisionare l'artista, né per gestire il suo comportamento.

Madonna, le condizioni migliorano ma c'è già il testamento:
Madonna, le condizioni migliorano ma c'è già il testamento: "Non vuole fare come Michael Jackson"
Venduto all'asta il cappello di feltro di Michael Jackson che ha indossato nel primo moonwalk
Venduto all'asta il cappello di feltro di Michael Jackson che ha indossato nel primo moonwalk
Kevin Spacey nega le accuse di abusi sessuali:
Kevin Spacey nega le accuse di abusi sessuali: "Folli, toccarlo era un gesto romantico"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni