Il weekend è tempo di classifiche (rese pubbliche il venerdì pomeriggio) e le classifiche, benché dicano poco al grande pubblico che non le segue (è sicuramente più interessante capire quello che passa in radio, per dire, o nelle playlist sulla nuova musica di Spotify), danno una tendenza. La tendenza di questi ultimi anni dice rap, ma dirlo oggi, nel 2018, suona già vecchio. Quello che è interessante notare e forse lo facciamo troppo poco, in realtà, anche noi, è quello che c'è oltre le mode del momento o le grandi esplosioni, di genere (come la trap, ad esempio) o quelle televisive (i talent vari) e cercare di capire che succede un po' al di là.

In top 10 da 40 settimane

"I vecchi scureggioni della pop-music sono un po’ in difficoltà, sono con-fusi. In classifica per primi solo i rap-pusi, quindi porgo le mie scuse" canta Fabri Fibra in STAI ZITTO, pezzo incluso nell'ultimo album di Salmo, "Playlist", raccontando in breve e a modo suo quello che da un po' succede alle classifiche italiane. Ma nella classifica italiana dallo scorso febbraio è successa anche un'altra cosa, un po' strana, ovviamente non per la qualità, ma per l'abitudine musicale del Paese. Praticamente da 40 settimane nelle posizioni altissime della classifica (top 10) c'è Ultimo, giovane cantante romano, vincitore dell'ultima edizione del Festival di Sanremo tra i giovani. Un successo che va oltre anche le logiche che vogliono i vincitori sanremesi non sempre in grado di mantenere le aspettative numeriche.

Numeri impressionanti ai live

Nonostante non sia mai stato primo (ha esordito in quarta posizione), Ultimo è senza dubbio un caso a parte. Lo diciamo a fine stagione, ma questa cosa è ormai assodata da qualche mese, con "Peter Pan", suo secondo album, che contiene anche "Il ballo delle incertezze" che è perennemente nella top 10, ma soprattutto è enorme il seguito che il cantante ha anche live. La dimostrazione sono stati i concerti, ovviamente; lo ha ribadito lui stesso dopo l'enorme successo dell'anteprima del suo tour che lo ha visto salire sui palchi del PalaLottomatica di Roma per la doppia data l'1 e 2 novembre e del Mediolanum Forum di Milano (il 4 novembre) a cui si aggiunge la data zero del 30 ottobre al Pala Remo Maggetti di Roseto Degli Abruzzi: "110.000 biglietti venduti in poco più di un mese. Questa è la mia vittoria. Non voglio l’appoggio di presunti colossi, ma solo della gente. La mia" ha scritto il cantante sulla sua pagina Twitter (che Ultimo usa in maniera molto interessante) per annunciare, appunto, l'andamento delle prevendite del suo prossimo tour “Colpa delle favole tour”, che partirà dal PalaSele di Eboli sabato 27 aprile 2019 e a cui il cantante sta aggiungendo e raddoppiando date.

Il racconto di Peter Pan

Ultimo racconta di sé ("Sono pesante lo dico a me stesso, troppo romantico"), declina l'amore nelle sue varie versioni, racconta di genitori assenti (quelli della ragazza che ama), di crepe che prendono forma la domenica e, insomma, lo fa senza la paura di titolare un pezzo "Cascare nei tuoi occhi", metaforico ma diretto: "La mia ‘missione' è quella di unire canzone italiana e hip hop, ma a modo mio. Anche se non in tutte le canzoni deve essere per forza così. Seguo l’istinto, senza troppe regole" dichiarò a margine del Festival a La Stampa e pare che questo suo metterci sempre se stesso e la faccia paghi più di qualche ora in tv e i selfie a ripetizione negli instore.