22 Giugno 2014
08:31

Polemiche Rolling Stones: la suite costa 14 mila euro, il Circo Massimo 7

Alla vigilia dell’attesissimo concerto dei Rolling Stones a Roma si scatena la guerra di cifre sui costi sostenuti. La band avrebbe pagato 14 mila euro per la suite e soli 7 mila per l’occupazione del suolo pubblico. Il Sindaco Marino si difende: “Non hanno pagato i romani”

È il giorno dei Rolling Stones a Roma. Questa sera, infatti, la band di Mick Jagger, Keith Richards, Ronnie Wood e Charlie Watts si esibirà in quello che è già considerato un concerto storico al Circo Massimo, dove sono attese circa 70 mila persone. Già ieri, però i fan e i giornalisti si sono dati appuntamento sotto l'Hotel Saint Regis dove la band si è concessa per qualche fotografia, soprattutto col chitarrista Watts che si è affacciato alla finestra a salutare i fan, mentre per gli altri solo una veloce apparizione. Ad aspettare questo fiume di persone, che arriverà da tutto il mondo, ci saranno un migliaio di steward e duecento uomini delle forze dell'ordine per un piano viabilità che prevede la chiusura o la limitazione di alcune strade adiacenti al Circo Massimo.

La guerra sulle cifre: 14 mila euro per la suite

A proposito di albergo, però, cominciano a farsi largo le prime polemiche sui costi. I Rolling Stones, infatti, avrebbero pagato 14 mila euro per una stanza e "solo" 7 mila per il fitto del Circo Massimo, portandosi con sé polemiche vecchie e una guerra di cifre. La band, infatti, avrebbe prenotato la Royal Suite da 300 metri quadri con tavolo in marmo da 12, bagno con vasca Jacuzzi e maggiordomo 24 ore su 24. Mentre per l'affitto del suolo pubblico avrebbe speso molto poco riportando in auge il problema dell'occupazione del suolo il cui costo, stando a quanto riporta Il Messaggero, dovrebbe aumentare fino a raggiungere un incremento del 250% come dice l'assessore al Commercio, Marta Leonori: "Stiamo ragionando anche sulla creazione di una lista ristretta di monumenti prestigiosi dove far pagare ancora di più". Sono anni, infatti, denuncia il Codacons che "si regalano i monumenti a prezzi stracciati. Perché se ne rendono conto solo oggi?" protestando anche per il piano viabilità: "Capiamo l'esigenza di garantire la massima sicurezza dell'evento, ma i provvedimenti adottati appaiono eccessivi e soprattutto in vigore con troppo anticipo rispetto l'orario del concerto – afferma in una nota il presidente Carlo Rienzi – Chiusure di strade, deviazioni, limitazioni, cambiamenti nel trasporto pubblico in una zona nevralgica come quella del Circo Massimo, si ripercuotono sui cittadini che già da questa mattina [ieri, ndr] stanno subendo le conseguenze del piano sicurezza predisposto dalla Questura".

Marino: "I costi sostenuti dagli organizzatori"

Il Sindaco Marino, comunque, di fronte alle critiche sui costi ha voluto anche specificare che "l'amministrazione ha davvero voluto voltare pagina. Ci sono dei costi in più: quelli per la pulizia delle strade, per far funzionare la metropolitana invece che fino alle 23.30 fino all'1.30 di notte, ci sono i costi per gli straordinari della polizia locale. Tutto questo ammonta a circa 90mila euro che pagheranno – anzi in realtà li hanno già pagati – gli organizzatori del concerto dei Rolling Stones. In più – continua Marino – ci sono i costi per i servizi igienici e per i servizi sanitari. Sono altri 75 mila euro, totalmente a carico degli organizzatori, così come i mille uomini della sicurezza anch'essi completamente a carico degli organizzatori". Quello dell'affitto dei luoghi più prestigiosi di Roma resta un nodo importante che emerge ogni volta che si svolge un evento e che il Sindaco ha promesso di risolvere al più presto, anzi di essere già al lavoro per farlo.

I Rolling Stones turisti

I Rolling Stone di tutto questo ovviamente non sanno nulla e si godono la vigilia di questa tappa romana del "14 On Fire tour". Ieri le voci sui movimenti della band sono stati tanti, ma probabilmente sono il batterista Charlie Watts e Ronnie Wood sono usciti, il primo facendo subito perdere le sue tracce, il secondo andando a visitare il Colosseo insieme alla moglie. Mick Jagger e Keith Richards, invece, dovrebbero essere rimasti in albergo.

Bruce Springsteen e la scaletta

Altri rumors riguardano la presenza nella Capitale di Bruce Springsteen. Il Boss, infatti, sarebbe arrivato a Roma e questa sera potrebbe salire sul palco assieme al gruppo bissando quello che era successo già a Lisbona il 29 maggio. I fan, insomma, sono in fibrillazione e hanno potuto sfogarsi, però, scegliendo parte della scaletta di questa sera. Se la tracklist della serata, infatti, è ancora segreta e non sarà svelata fino a quando la band no la suonerà, i Rolling Stones hanno chiesto su Twitter quale canzone tra "Respectable", "Loving Cup", "If You Can't Rock Me", "When The Whip Comes Down", "Ain't Too Proud To Beg" e "Sweet Virginia" vorrebbero che la band suonasse. Sempre su Twitter, poi, la band ha postato un'immagine del Circo Massimo con la lingua, loro marchio, a caratterizzarlo.

Il concerto dei Rolling Stones al Circo Massimo a Roma
Il concerto dei Rolling Stones al Circo Massimo a Roma
I Rolling Stones infiammano il Circo Massimo: l'entusiasmo dei fan
I Rolling Stones infiammano il Circo Massimo: l'entusiasmo dei fan
26.369 di Peppe Pace
I Rolling Stones in Italia a giugno per il Rock in Roma
I Rolling Stones in Italia a giugno per il Rock in Roma
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni