Paul Barrere, chitarrista e cantante dei Little Feat è morto a 71 anni, come comunicato dal resto dei membri sui social. Il musicista è morto sabato mattina all'ospedale di Los Angeles a causa degli effetti collaterali del trattamento di una malattia epatica: "È con grande dolore che i Little Feat annunciano il decesso del nostro fratello chitarrista Paul Barrere all'UCLA. Vi chiediamo i vostri pensieri migliori soprattutto per la vedova Pam e i figli Gabriel, Genevieve e Gillian e a tutti i fan che alla fine erano la sua famiglia estesa" si legge nel comunicato che la band ha pubblicato sulla pagina Facebook.

Il ricordo della band

La band racconta anche in che modo il chitarrista entrò a farne parte, ricordando come fu il basso il primo strumento che suonò: "Paul fece il provino per la band come bassista quando i Little Feat furono creato – stando alle sue parole ‘come bassista sarei un chitarrista eccellente – e tra anni dopo si unì alla band nel ruolo che gli spettava, ovvero alla chitarra. Quarantasette anni dopo è stato costretto a perdersi il tour attuale, che sarebbe finito domani, a causa degli effetti collaterali del trattamento di una malattia epatica. Aveva promesso di seguire gli ordini dei medici, rimettersi in forma, e tornare durante l'incontro annuale della band in Jamaica a gennaio 2020. ‘Fino a quel momento' aveva scritto ‘tenete vicino a voi le vostre scarpe da vela (‘Sailin' shoes' è un album della band, ndr), se ce la farò ne avrete bisogno".

Barrere e l'ingresso nei Little Feat

Barrere entrò nella band nel 1969, dieci anni prima della morte, nel 1979, del chitarrista, cantante e songwriter Lowell George, ma ne diventò presto parte fondamentale, contribuendo a definirne il suo suono, scrivendo alcune delle canzoni più amate della band come “Skin It Back”, ″Time Loves a Hero” e “Old Folks Boogie".