Paola Iezzi, metà dell'ormai famosa coppia Paola e Chiara, è tornata con un nuovo singolo, "LTM" assieme a M¥SS KETA. Dopo il ritorno con il singolo "Gli occhi del perdono", Paola Iezzi torna con un singolo dal sapore sudamericano e con la collaborazione di una delle sorprese musicali di questi ultimi anni. La Myss, infatti, è autrice di pezzi come "Pazzeska", "Una donna che conta" e lìultimo singolo "Le ragazze di Porta Venezia" che tra le tante ospiti al femminile aveva anche Paola Iezzi. Un sodalizio che si era formato durante il Pride di Bologna quando le due donne avevano condiviso il palco come madrine della manifestazione.

Il significato di LTM

Questo girl power continua e prende la forma di LTM, che è l'acronimo de "La tua mamma", brano che nasce dalla collaborazione anche di Dario Pigato, Simone Rovellini, e Stefano Riva e che sviluppa l'amore per la musica caraibica e in particolare per il reggaeton con l'uso di strumenti come il kuisi o gaita colombiana. Il brano è il racconto ironico di un rapporto tra uomo e donna, con lei evidentemente più grande di lui, una canzone che "parla della donna di oggi e della donna del futuro. Una donna che non ha più paura dei propri ‘poteri', della propria femminilità e avvenenza e delle proprie ambizioni. Non teme di essere sfrontata né di dichiarare al mondo ciò che esattamente è o desidera diventare. E’ una donna capace, intelligente, che ha gli stessi identici diritti dell’uomo. Perfino quello di innamorarsi, invaghirsi o semplicemente desiderare un uomo più giovane di lei, senza timore di essere giudicata da una società vetusta ancora ancorata ad un’idea superata della femminilità" come si legge nella nota stampa. Un brano che vuole essere un tassello nella dichiarazione di indipendenza femminile che caratterizza le due cantanti.

Il testo di LTM

Tichi tichi papi papi
il pupo piange vuole la sua mamma
lichi lichi lichi baby
facciamo un altro giro poi lo metto a nanna
chiquitito, bravo bimbo, baby, sei un re
ti comporti male quando sei con me
forse poi mi pento, ma ti sto lasciando
baby you’re the best, yeah

Baby sono la tua mamma, mamma, mamma, mamma ah
lui che mi chiama mamma, mamma, mamma, mamma ah
balla, balla, balla con me fino a domattina,
balla, balla, balla con me
balla, balla, balla con me fino a domattina
balla, balla, balla
yeah

La quiero mari mari, porque después duermo
me llama “mami, mami”, quiero los que tengo
Vuole la ninna nanna, dice che è stanco
poi se si addormenta, dice che gli manco
sai che mamma può sostituire tutti
ma nessuno può sostituire mamma
mi metto il baby doll in seta color panna
Netflix e tv e fumo viola nella stanza

Ma non sono la tua mamma, mamma, mamma, mamma ah
lui che mi chiama mamma, mamma, mamma, mamma ah
balla, balla, balla con me fino a domattina,
balla, balla, balla con mebaila
balla, balla, balla con me fino a domattina,
balla, balla, balla

Ah, sono la tua miss, non sono la tua mamma
quando arrivo io tutti fuori dalla stanza
ripetimi il tuo nome (si)
perdona la domanda
vamos a bailar come Icardi e Wanda
festival del Kamasutra
e poi amici come prima (ops)
resta fino alla fine, non voglio chiudere questa rima
Paola e Keta, baby doll di seta, dame senza meta, champagne per dieta
alfa e omega, chiudi gli occhi e prega
che non ti mandi uno dei miei rega
sono un Quarterback, gioco in attacco
tu non puoi difenderti dal mio tacco
arrenditi al mio placcaggio
in amore gioco come Baggio,
goal!

Mamma, mamma, mamma, mamma ah
lui che mi chiama mamma, mamma, mamma, mamma ah
balla, balla, balla con me fino a domattina,
balla, balla, balla con me
balla, balla, balla con me fino a domattina (yeah),
balla, balla, balla

Tichi tichi papi papi
lichi lichi lichi baby