Le immagini di Notre Dame in fiamme hanno scosso tutto il mondo: la Chiesa parigina è uno dei simboli della Francia nel mondo e uno dei monumenti più visitati. Nell'immaginario popolare è legata, ovviamente sia al libro di Vitor Hugo, "Notre Dame de Paris", appunto, da cui, poi, sono stati tratti sia il film d'animazione della Disney, "Il gobbo di Notre Dame" che, pensando all'Italia, uno degli spettacoli teatrali più di successo e longevi, firmato da Riccardo Cocciante per la produzione. Una produzione imponente e mondiale, che continuerà a girare l'Italia anche la prossima primavera quando partirà dalla Vitrifrigo Arena di Pesaro il prossimo 13 e 14 settembre prima di spostarsi all'Arena di Verona il 2, 4 e 5 ottobre.

I numeri dello spettacolo teatrale

Uno spettacolo che nel 2016, stando ai numeri degli organizzatori, ha superato il milione di spettatori con oltre 40 tappe e 283 repliche sold out in 31 città, trainando i numeri dei biglietti venduti a teatro e dominando la classifica degli spettacoli più visti (anche grazie, ovviamente alla quantità di repliche, rispetto ad altri spettacoli). Una produzione tale da essere tradotta in 9 lingue (francese, inglese, italiano, spagnolo, russo, coreano, fiammingo, polacco, cinese) attraversando – stando sempre alle informazioni date dall'organizzazione – 23 Paesi con oltre 4300 spettacoli complessivi.

Il debutto di Notre dame de Paris

E, ovviamente, la mente non può che correre a Riccardo Cocciante che firma le musiche mentre l'adattamento del romanzo è di Luc Plamonon e Pasquale Panella, la regia, invece, è di Gilles Maheu, le coreografie e i movimenti di scena sono curati da Martino Müller, i costumi da Fred Sathal e le scene di Christian Ratz. La versione originale dello spettacolo debuttò al Palais des Congrès di Parigi nel 1998 e quattro anni dopo l'imprenditore David Zard produsse la versione italiana, andando in scena al Gran Teatro di Roma nel 2002, senza immaginare che ancora oggi lo spettacolo avrebbe potuto vantare repliche su repliche.

L'esibizione di Cocciante al Festival di Sanremo

Poche settimane fa proprio Cocciante ha portato uno dei temi musicali principali e più amati dello spettacolo sul palco del Festival di Sanremo. Il cantante, infatti, ha duettato assieme al direttore artistico Claudio Baglioni, Giò di Tonno (che interpreta Quasimodo) e Vittorio Matteucci (Frodo) e Graziano Galatone (Febo).

Notre Dame a teatra da settembre

Lo spettacolo teatrale ripartirà in Italia il prossimo settembre, in attesa di capire se con calma si penserà a un riferimento alla tragedia. Questo il calendario completo: 13/14 settembre 2019 – Pesaro @ Vitrifrigo Arena – 3/4/5 ottobre 2019 – Verona @ Arena di Verona 17/18/19/20/22/23/24/25/26/27/29/30/31 ottobre e 1/2/3 novembre 2019 – Milano @ Teatro degli Arcimboldi –  22/23/24 novembre 2019 – Casalecchio di Reno (BO) @ Unipol Arena 28/29/30 novembre e 1 dicembre 2019 – Firenze @ Mandela Forum 4/5/6/7/8 dicembre 2019 – Napoli @ Teatro PalaPartenope 11/12/13/14/15 dicembre 2019 – Bari @ PalaFlorio 20/21/22 dicembre 2019 – Torino @ Pala Alpitour 27/28/29 dicembre 2019 – Roma @ Palazzo dello Sport

Il testo di Bella

QUASIMODO

Bella

La parola Bella è nata insieme a lei
Col suo corpo e con i piedi nudi, lei
E' un volo che afferrerei e stringerei
Ma sale su l'inferno a stringere me
Ho visto sotto la sua gonna da gitana
Con quale cuore prego ancora Notre Dame
C'è qualcuno che le scaglierà la prima pietra?
Sia cancellato dalla faccia della terra!
Volesse il diavolo, la vita passerei
Con le mie dita tra i capelli di Esmeralda

FROLLO
Bella
E' il demonio che si è incarnato in lei
Per strapparmi gli occhi via da Dio, lei
Che ha messo la passione e il desiderio in me
La carne sa che paradiso è lei
C'è in me il dolore di un amore che fa male
e non m'importa se divento un criminale
lei che passa come la bellezza più profana
lei porta il peso di un'atroce croce umana
O Notre Dame, per una volta io vorrei
Per la sua porta come in chiesa entrare in lei

FEBO
Bella
Lei mi porta via con gli occhi e la magia
E non so se sia vergine o non lo sia
C'è sotto Venere e la gonna sua lo sa
Mi fa scoprire il monte e non l'al di là
Amore, adesso non vietarmi di tradire
Di fare il passo a pochi passi dall'altare
Chi È l'uomo vivo che potrebbe rinunciare
Sotto il castigo, poi, di tramutarsi in sale?
O Fiordaliso, vedi, non c'è fede in me
Vedrò sul corpo di Esmeralda se ce n'è

QUASIMODO, FROLLO, FEBO
Ho visto sotto la sua gonna da gitana
Con quale cuore prego ancora Notre Dame
C'è qualcuno che le scaglierà la prima pietra
Sia cancellato dalla faccia della terra!
Volesse il diavolo, la vita passerei
Con le mie dita tra i capelli d'Esmeralda
Di Esmeralda