Rokia Traoré (ph Ian Gavan/Getty Images)
in foto: Rokia Traoré (ph Ian Gavan/Getty Images)

"Non sono una terrorista" scrive Rokia Traoré sulla sua pagina Instagram. La cantante franco-maliana è al centro di un'inchiesta giudiziaria da qualche settimana che la vede confrontarsi con l'ex marito belga sull'affidamento della figlia. La cantante ha passato qualche giorno di carcere a Parigi a seguito di un mandato d'arresto europeo – per sequestro e presa in ostaggio – emanato da un giudice belga dopo che la cantante non ha riportato la bambina dal genitore affidatario (il padre) e poi successivamente rilasciata con l'obbligo di non lasciare il territorio. Qualche giorno fa, però, Rokia Traoré è tornata in Mali assieme alla figlia, con un volo privato, violando la disposizione del giudice. Per questo motivo ha voluto scrivere un messaggio pubblico, spiegando la sua posizione.

La difesa di Rokia Traoré

"Non sono una criminale la cui localizzazione è impossibile, non ho mai avuto problemi con la giustizia – ha scritto la cantante -. Sono un'artista che in 23 anni di carriera non ha fatto altro che lavorare, sviluppare un progetto artistico e culturale che le è valso il sostegno del suo Paese d'origine e svariati titoli di riconoscimento internazionale tra cui due dallo Stato francese. Sono scioccata – continua Rokia Traoré – che possa essere usato contro di me un mandato d'arresto europeo (iniziativa europea nel quadro della lotta al terrorismo) come metodo di ricatto prendendo in ostaggio la mia carriera internazionale per una cosa che avrebbe dovuto trovare una soluzione dal sistema giudiziario maliano, poiché si trattava della sicurezza e della crescita di una bambina cittadina maliana che vive in Mali".

https://mailchi.mp/c0bfc3293261/rokia-traor-je-ne-suis-pas-une-terroriste #justice4rokiatraore #respect4africa JE NE SUIS PAS UNE TERRORISTE Je ne suis pas une criminelle dont la localisation s'avère impossible, je n'ai jamais eu de problème avec la justice. Je suis une femme artiste qui, en 23 ans de carrière, n'a fait que travailler, développer un projet artistique et culturel lui ayant valu le soutien de son pays d'origine et plusieurs titres et reconnaissances internationaux dont deux décorations de l'Etat français. Je suis choquée que puisse être utilisé ainsi contre moi le mandat d'arrêt européen (initiative européenne dans le cadre de la lutte contre le terrorisme international) comme méthode de chantage prenant en otage ma carrière internationale dans une affaire qui aurait dû trouver une solution par le système judiciaire malien, car s'agissant de la sécurité et l'épanouissement d'une enfant citoyenne malienne vivant au Mali. I AM NOT A TERRORIST I am not a criminal difficult to trace, I have never had a problem with the justice system. I am a woman artist who, in 23 years of career, has done nothing but work, develop an artistic and cultural project having earned her the support of her country of origin and several titles and international recognitions including two decorations from the French state. I am shocked that the European arrest warrant (European initiative in the framework of the fight against international terrorism) can be used against me as a blackmail upon my international career in a case which should have found a solution by the Malian legal system, since it is about the security and well-being of a Malian citizen child living in Mali.

A post shared by Rokia Traoré (@rokiatraore_officiel) on

Perché era stata arrestata in Francia

La cantante, che era stata arrestata il 10 marzo scorso, appena messo piede in Francia, è in guerra giudiziaria col marito a cui nei mesi scorsi un giudice aveva dato l'affidamento esclusivo della figlia, ma allo stesso tempo un giudice maliano aveva concesso l'affidamento a lei, creando un contrasto giuridico da cui la cantante ha preferito uscire volando nel suo Paese, in maniera regolare, stando a quanto dice la Polizia francese. "Parliamo di una madre in una situazione disperata che ha paura che le sia tolta la figlia, ecco il perché è volata in mali, dove vive" ha detto il suo avvocato. La cantate è una delle artiste più famose di questi ultimi anni, conosciuta anche per il suo impegno in favore dei rifugiati e nominata, nel 2016, ambasciatrice di buona volontà per l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati