1.281 CONDIVISIONI
13 Settembre 2022
17:07

Negata la libertà condizionata all’assassino di John Lennon per la dodicesima volta

È stata negata per la dodicesima volta la libertà condizionale a Mark David Chapman, che nel dicembre del 1980 uccise John Lennon.
A cura di Redazione Music
1.281 CONDIVISIONI

Non è stata concessa neanche questa volta la libertà condizionata a Mark David Chapman, l'uomo che l'8 dicembre 1980 fuori alla sua camera di Manhattan uccise John Lennon, ponendo fine a un pezzo fondamentale della Musica mondiale. Per la dodicesima volta, quindi, i funzionari statali hanno reputato che non ci fossero gli estremi perché l'uomo di 67 anni – che a fine agosto, stando al Department of Corrections and Community Supervision era apparso davanti alla commissione per la libertà vigilata – potesse usufruire della libertà condizionata e poter uscire dalla prigione dove è chiuso da oltre 40 anni.

Chapman viaggiò dalle Hawaii a New York per assassinare l'ex cantante dei Beatles con cinque colpi di pistola. Prima, però, lo incontrò nel pomeriggio, quando fuori all'albergo dove l'avrebbe ucciso, lo aveva incontrato e salutato, ricevendo anche un autografo su "Double Fantasy", l'album appena pubblicato assieme alla moglie Yoko Ono. Nel 2012 spiegò che ci penso molto prima di decidersi a ucciderlo: "Non è stato del tutto a sangue freddo, ma per la maggior parte lo è stato. Ho cercato di dire a me stesso di andarmene. Ho l'album, lo porto a casa, lo faccio vedere a mia moglie, andrà tutto bene – disse Chapman nel 2012 -. Ma mi sentivo così costretto a commettere quell'omicidio che nulla mi avrebbe trascinato via da quell'edificio".

In attesa di poter vedere cosa ha dichiarato Chapman questa volta, negli anni scorsi più volte si è espresso sulla libertà condizionata, spiegando che pur avendo espresso ripetutamente rimorso per quello che ha fatto non si lamenterebbe se avessero deciso di lasciarlo in prigione, come disse nel 2020: "L'ho assassinato… perché era molto, molto, molto famoso e questa è l'unica ragione e io cercavo molto, molto, molto, molto la gloria per me. Sono stato molto egoista", disse Chapman, il quale sta scontando una condanna all'ergastolo, ma dopo i primi 20 anni ha la possibilità di chiedere la libertà vigilata, appunto, cosa che puntualmente gli viene negata. La prossima richiesta sarà fatta nel febbraio 2024.

1.281 CONDIVISIONI
L’assassino di John Lennon ha chiesto la libertà vigilata, è la dodicesima volta in 20 anni
L’assassino di John Lennon ha chiesto la libertà vigilata, è la dodicesima volta in 20 anni
La lettera che John Lennon scrisse a Paul McCartney è in vendita, l'asta fino a 30mila dollari
La lettera che John Lennon scrisse a Paul McCartney è in vendita, l'asta fino a 30mila dollari
Dana Saber:
Dana Saber: "Il GF Vip mi ha negato la libertà di espressione, sono stata bullizzata"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni