Si è suicidato Piero Petrullo, noto musicista che ha suonato in passato in con la nota band Ladri di Carrozzelle, la storica band fondata nel 1989 da un gruppo di disabilità fisiche, attesi come ospiti per la serata finale del Festival di Sanremo 2017. L'uomo aveva suonato con la band fino al 2010, quando per problemi di salute aveva deciso di staccarsi dal complesso. Petrullo sarebbe stato trovato senza vita nell'abitazione degli zii, con i quali viveva. Petrullo aveva 50 anni, da tempo era in sedia a rotelle in seguito ad un incidente stradale di cui era rimasto vittima diverso tempo fa, ai Castelli Romani. Secondo quanto emerso negli ultimi minuti, l'uomo, 50 anni, si è tolto la vita ieri mattina impiccandosi con un filo elettrico nel bagno della casa dove viveva, vicino Velletri. Le indagini, stando a quanto riportato dal quotidiano Il Messaggero, sono affidate ai carabinieri della stazione di Velletri e il magistrato ha disposto l'autopsia.

Petrullo ne I Ladri di Carrozzelle dal 2006 al 2010

Petrullo ha suonato come percussionista dal 2006 al 2010 nei Ladri di Carrozzelle e suonò con il  gruppo rock in varie manifestazioni di piazza in molte città italiane, come Roma, Milano, Napoli, Firenze, Torino. Solo 7 anni fa abbandonò la band per motivi di salute, ma il gruppo non ha fermato la sua attività e, attualmente, è un laboratorio musicale composto da circa 20 musicisti. La band era diventata molto celebre negli anni '90 proprio per l'ironia di fondo che aveva animato il progetto. Non solo prendeva spunto, nel nome, dal noto film del 1948 diretto da Vittorio De Sicain, ma tutti i componenti disabili dimostravano di poter trattare con autoironia la loro condiziona di disabilità. Sin dalla nascita i Ladri di Carrozzelle non hanno mai avuto una formazione precisa e definita, ma sono stati in costante evoluzione, oscillando tra i 5 e i 15 componenti e adattandosi sempre alle diverse situazioni nelle quali si sono esibiti (tra cui il concertone del Primo Maggio e le celebrazioni del Giubileo).

Il fondatore della band: "Un grande dolore personale"

Contattato da Fanpage.it ha parlato il fondatore del complesso, Paolo Falessi, che ha naturalmente espresso tutto il suo dispiacere per il tragico evento. Si è limitato a manifestare la tristezza derivante dall'apprendere la notizia: "Un grande dolore personale. Era una bellissima persona, generosa, che ha affrontato un problema in maniera eccezionale. Sto male. I ladri sono sei sette formazioni diverse. Il dolore è enorme ma il progetto continua ad andare avanti. Nel 2007 abbiamo perso due dei fondatori". Poi la conferma che non sarebbe andato sul palco dell'Ariston:

Non doveva venire a Sanremo, sabato, non stava bene già da tempo. I ladri di carrozzelle saranno sul palco di Sanremo per lui