video suggerito
video suggerito

Morto Stan Tracey, il padrino del jazz britannico

Stan Tracey , il pianista jazz e compositore acclamato come il padrino del jazz britannico , è morto all’età di 86 anni dopo una lunga e dolorosa malattia. A darne il triste annuncio il figlio Clark, affermato percussionista, e molte parole toccanti diffuse con un comunicato stampa sui suoi canali ufficiali.
44 CONDIVISIONI
Immagine

Stan Tracey , il pianista jazz e compositore acclamato come il padrino del jazz britannico , è morto all'età di 86 anni. Il suo lavoro pionieristico ha aiutato jazz britannico a forgiare il proprio suono , piuttosto che affidarsi alla pura imitazione dei suoni provenienti dagli Stati Uniti . In particolare Tracey ha convinto molti jazzisti britannici ad allontanarsi dalle cover per favorire lo sviluppo del proprio materiale originale.  Ispirato da artisti del calibro di Thelonious Monk e Duke Ellington , Tracey è riuscito a guadagnarsi il rispetto di coetanei come Sonny Rollins, così come a trovare un fanbase moderna attraverso tastemakers come British DJ Gilles Peterson.

La notizia della sua morte è stata annunciata sul sito ufficiale di Stan Tracey con le seguenti parole: "È con profondo rammarico che devo annunciare la morte di Stan Tracey oggi, all'età di 86 anni. Dopo una dura lotta con la malattia, è morto a seguito di un prezioso traguardo, quello del 70ennale del suo percorso professionale come pianista jazz/compositore. Rimarrà vivo grazie ad una famiglia che lo ama e alla quale mancherà profondamente. La sua eredità sono le generazioni di musicisti giovani e vecchi, passate e future, che avranno il suo esempio da seguire. Molte grazie a tutti coloro che gli hanno mostrato amore e sostegno in tutti questi anni".

Suo figlio Clark, a sua volta affermato percussionista, ha dichiarato: "Stanley William Tracey è morto serenamente questo pomeriggio. Alla fine il dolore è passato e ora può riposare in pace" .

44 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views