Si è spento a 33 anni dj Arafat, all'anagrafe Ange Didier Huon. L'artista ivoriano è deceduto a seguito di un incidente con la moto avvenuto nella sua terra natale, in Costa d'Avorio. A dare la notizia, la BBC che riprende i dettagli riportati dall'emittente RTI. Definito il re della dance music, vantava 1 milione e 700 mila fan su Instagram. Il video di una delle sue maggiori hit, ‘Dosabado', ha totalizzato oltre 5 milioni e 400 mila visualizzazioni. Il suo portavoce, distrutto dal dolore, ha confermato la tragedia.

La dinamica dell'incidente

Secondo i primi dettagli trapelati, l'incidente sarebbe avvenuto nella notte tra domenica 11 agosto e lunedì 12 agosto. Dopo aver preso parte alla festa musulmana del Tabaski, dj Arafat stava rientrando nel suo appartamento a bordo della sua moto. L'impatto contro un'auto, lo ha ridotto subito in gravissime condizioni. Trasportato all'ospedale di Abidjan, è deceduto qualche ora più tardi a causa delle ferite riportate. Quella per la motocicletta era una grande passione per il 33enne, che l'aveva espressa anche nel suo ultimo singolo uscito lo scorso maggio e intitolato, appunto, ‘Moto moto'.

Il suo portavoce conferma il decesso

Yves Roland Jay Jay, suo ufficio stampa, aveva confermato la notizia dell'incidente e poche ore fa ha fatto sapere che l'artista è deceduto. Su Facebook gli ha rivolto uno struggente messaggio d'addio: "Sei stato il mio idolo, la mia fonte d'ispirazione. È stato un onore lavorare al tuo fianco Dj Arafat. Grazie per tutto, sono inconsolabile". Il Ministro della Cultura ivoriano, Maurice Bandaman, si è detto costernato per l'accaduto e ha espresso la sua vicinanza e le più sincere condoglianze alla famiglia dell'artista. Il politico, inoltre, ha assicurato che verrà organizzato un tributo per rendere omaggio a Ange Didier Huon.