Sono passati 13 anni dall'ultimo disco di inediti di Morgan, che ritorna il prossimo 19 novembre con "L'audiolibro di Morgan", un progetto che conterrà una sua autobiografia, con i grandi successi della sua carriera. L'opera, letta dallo stesso Morgan, contiene brani inediti ma anche cover, come quella del "Cantico dei drogati" di Fabrizio De André e una versione innovativa di "O Mia Bela Madunina", omaggio alla sua città natale.

Il ritorno dopo 13 anni

La canzone anti-discografica

A post shared by Marco "Morgan" Castoldi (@morganofficial) on

Ci son voluti 13 anni e alti e bassi della sua carriera a Morgan per rilasciare un nuovo progetto discografico, 13 anni dopo "Da A ad A", terzo album da solista dell'artista milanese dopo la scissione dal gruppo rock Bluvertigo. Morgan ritorna con un disco, ma non solo: infatti il prossimo 19 novembre sarà disponibile in libreria e in digitale "L'Audiolibro di Morgan". Il progetto si concentra sull'autobiografia dell'artista, che alternerà la lettura della propria storia personale e musicale, alla sua raccolta musicale, con qualche inedito. Più di 5 ore di materiale per raccontare uno dei personaggi più eccentrici della musica italiana, sempre diviso tra l'estrosità musicale e la sua essenza divisiva come personaggio pubblico. L'audio libro verrà suddiviso in 20 capitoli e vedrà due special guest: da una parte Roberto Vecchioni che duetta con Morgan sul brano "Luci a San Siro", dall'altra la presenza di Ivano Fossati nell'introduzione dell'audiolibro.

La candidatura a sindaco di Milano

Nel frattempo sembra sempre meno vicina la conferma della voce, lanciata qualche giorno fa da Vittorio Sgarbi sulla candidatura a sindaco di Milano di Morgan, che ha confermato di averci pensato durante la partecipazione al programma televisivo "Live: non è la D'Urso", ma è ancora presto. Il cantante ha però smentito, affermando di essere lusingato dalle parole di Sgarbi ma di pensare in questo momento al mondo della cultura e al suo sostentamento. Proprio in questo senso, ha affermato di avere in mente dei progetti per eventi e spettacoli per Milano, qualcosa che oggi andrebbe in controtendenza rispetto alla sua candidatura.